mercoledì, Dicembre 8

Francia, sgozzato prete a Rouen: è ancora ISIS field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Michelle Obama prova a ricompattare il partito Democratico. Forte il suo discorso in apertura della convention che deve investire Hillary Clinton. Dopo i fischi alla ex first lady fuori dal Wells Fargo Center da parte dei sostenitori di Bernie Sanders, la moglie dell’inquilino della Casa Bianca prova a mettere tutti d’accordo. «Credo che sia veramente qualificata per essere presidente degli Stati Uniti. Sono qui perché so il tipo di presidente che Hillary sarà. Ed è per questo che sto con lei». E annuncia: «In questa elezione, così come nel 2008, dobbiamo bussare a ogni porta e conquistare ogni voto». Poi a parlare è stato il senatore, che dopo lunghi applausi ha provato a convincere anche i suoi sostenitori: «Deve essere il nostro prossimo presidente. Non c’è scelta. So che siete delusi per come è andato il processo di nomina. Io sono il più deluso. Ma questa è la democrazia».

Che gli Usa siano in rotta di collisione con la Turchia si sa, non solo per via del golpe. A confermarlo sarà l’incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e quello turco Recep Tayyip Erdogan a San Pietroburgo il 9 agosto. A darne notizia il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov. Si tratta del primo incontro tra i due dopo che le relazioni tra Mosca e Ankara sono andate migliorando in seguito all’invio a Putin da parte di Erdogan di una lettera di scuse per l’abbattimento a novembre di un jet militare russo al confine tra Siria e Turchia da parte di caccia turchi.

Ancora morti in mare di rifugiati e migranti. Secondo l’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) da inizio anno siamo a 3.034 contro i 1.917 decessi del luglio di un anno fa. L’Organizzazione stima inoltre che 249.854 migranti e rifugiati sono giunti in Europa via mare dall’inizio del 2016 al 24 luglio, per lo più in Italia e in Grecia.

Orrore in Giappone in un centro disabili. Un ragazzo di 26 anni, armato di coltello, ha ucciso 19 persone e ne ha ferite altre 20 a Sagamihara, a poche decine di chilometri a ovest di Tokyo. Il ragazzo si è poi consegnato alla polizia che aveva circondato l’edificio e avrebbe confessato, adducendo come motivazione: ‘Volevo liberare il mondo dai disabili’.

Impresa per il Solar Impulse 2, l’aereo svizzero che ha realizzato il primo giro del mondo senza carburante, utilizzando esclusivamente energia solare. Nella notte l’atterraggio all’aeroporto di Abu Dhabi per l’ultima tappa di un viaggio durato oltre 43mila chiloemtri. «Le tecnologie pulite possono raggiungere l’impossibile», il commento in un comunicato dei due ideatori.

Infine in Afghanistan, dove i servizi di intelligence hanno sventato un attacco ad una scuola femminile di Kabul .Secondo l’emittente ‘Tolo Tv‘, la Direzione nazionale per la sicurezza (Nds) ha indicato che l’attentatore suicida è stato localizzato nel distretto di Khoshi della provincia di Logar, per poi essere bloccato e ferito. Poco dopo ha confessato di essere stato reclutato da un comandante della Rete Haqqani e che lo aveva istruito in Pakistan.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->