lunedì, Maggio 16

Francia: perché molti elettori voteranno contro piuttosto che per un candidato Vincere un'elezione con un voto negativo potrebbe significare vincere una battaglia per perdere una guerra. L’analisi di Rainbow Murray, politologa della Queen Mary University of London

0

Il sistema elettorale francese si svolge su due turni. Nella prima può candidarsi chiunque soddisfi i criteri soglia (quest’anno 12 candidati). Supponendo che nessuno ottenga la maggioranza assoluta (questo non è mai successo), i primi due candidati si affrontano al secondo turno. Quest’anno, come nel 2017, i primi due candidati sono Emmanuel Macron (centro destra) e Marine Le Pen (estrema destra).

Uno degli obiettivi della votazione su due turni è garantire che il vincitore finale goda del sostegno della maggioranza assoluta della nazione. L’altro obiettivo è che le persone votino con il cuore al primo turno e con la testa (cioè strategicamente) al secondo. Ma nel 2022 nessuno di questi obiettivi è stato raggiunto.

Testa sopra il cuore

La tradizione di votare con il cuore era basata sul vecchio stile della competizione elettorale tra i vari partiti di sinistra e di destra. Le persone hanno scelto il loro partito preferito al primo turno, quindi hanno sostenuto qualsiasi partito dalla loro parte dello spettro si fosse qualificato al secondo turno. Questo modello è crollato dall’emergere dell’estrema destra come una delle principali forze elettorali in Francia e dall’emergere più recente del centro. Per le seconde elezioni consecutive, né la sinistra mainstream né la destra mainstream sono arrivate al ballottaggio finale. Gli elettori sono ora costretti a votare tatticamente dal primo turno in poi.

Quest’anno molti elettori di destra mainstream hanno capito che avrebbero dovuto dare il loro voto a Macron anche al primo turno (piuttosto che al candidato di destra mainstream) per evitare un secondo turno tra l’estrema destra (Le Pen) e il estrema sinistra (Jean-Luc Mélenchon). Ciò ha provocato un crollo nel voto per la candidata repubblicana, Valérie Pécresse.

Nel frattempo, la disunione a sinistra, con sei candidati di sinistra in competizione su un terreno simile, ha portato a crescenti timori che la sinistra sarebbe stata nuovamente assente dal secondo turno. Con Jean-Luc Mélenchon come ala sinistra di punta, è emerso un crescente consenso sulla sinistra per unirsi tatticamente dietro di lui. Un corrispondente aumento di sostegno ha visto l’elettorato di Mélenchon raddoppiare per raggiungere il 22%. Se qualche elettore di sinistra in più fosse andato con la testa piuttosto che con il cuore al primo turno, Mélenchon si sarebbe qualificato al secondo turno davanti a Le Pen. Le Pen ha anche goduto di un trasferimento tattico di voti da Eric Zemmour, un altro candidato di estrema destra. Inizialmente stavano correndo testa a testa, ma Le Pen è riuscita ad assicurarsi un vantaggio crescente sulla sua rivale ed è diventata la scelta predefinita dell’estrema destra.

Negativo più positivo

Quindi i francesi ora votano tatticamente anche al primo turno. Ma che dire dell’altro obiettivo: garantire la maggioranza del sostegno al vincitore? Anche se questo è ancora tecnicamente vero, il problema è che molti elettori voteranno negativo piuttosto che positivo, contro un candidato, piuttosto che per l’altro. Mentre il risultato, in termini di schede elettorali, è lo stesso, il suo significato è molto diverso.

Macron ha avuto cinque anni per deludere le persone. È stato un primo mandato impegnativo, definito dalla pandemia e più recentemente dal conflitto in Ucraina. La strategia politica chiave di Macron è stata quella di neutralizzare la minaccia elettorale rappresentata dal partito repubblicano di destra mainstream. In questo obiettivo ha avuto molto successo; ha derubato alcuni dei loro attori chiave, usurpato le loro politiche, invaso il loro territorio elettorale e fatto precipitare la loro quota di voti al primo turno al di sotto del 5%.

Tuttavia, questo successo ha avuto un costo. Inizialmente situandosi come un centrista capace di fare appello sia a sinistra che a destra, Macron si è sempre più posizionato saldamente a destra, partendo dal presupposto che le divisioni interne a sinistra impedirebbero a chiunque di presentare una minaccia elettorale da quell’estremità dello spettro politico.

Sebbene questo presupposto sia ampiamente ritenuto vero, la conseguenza è una profonda e crescente antipatia per Macron tra gli elettori di sinistra. Sono gli stessi elettori che hanno scelto Mélenchon al primo turno e che ora detengono le chiavi del risultato del secondo turno. Macron si è reso conto – tardivamente – che non può dare per scontato che questi elettori scontenti lo sceglieranno al posto di Le Pen. Molti intendono non votare affatto. I tentativi di Macron di conquistare questi elettori, senza alienare l’elettorato di destra che ha corteggiato così delicatamente, non sono convincenti. La sua tattica migliore è stata quella di evidenziare la minaccia che Le Pen rappresenta per i valori fondamentali della democrazia francese e di spaventare gli elettori di sinistra facendoli votare per lui, anche se con riluttanza, per bloccarla. Di conseguenza, molti elettori che scelgono Macron lo faranno a malincuore e con il cuore pesante.

Non è solo Macron a corteggiare il voto negativo, il “voto contro”. Le Pen ha posizionato la sua candidatura come un referendum su Macron e ha incoraggiato le persone a vederla come un voto contro le politiche degli ultimi cinque anni. È meno probabile che questa sia una strategia efficace per lei – molti elettori delusi da Macron sceglieranno semplicemente di astenersi – ma ha rafforzato il suo sostegno tra alcune categorie dell’elettorato.

Perché è importante? Chi vince dovrà governare il Paese per cinque anni. Vorranno assicurarsi la maggioranza alle elezioni parlamentari di giugno. Vorranno un mandato per mettere in atto le loro politiche. Le Pen, in particolare, propone di governare essenzialmente per referendum (perché difficilmente ottenga la maggioranza parlamentare, rendendole molto più difficile l’approvazione della legislazione attraverso i canali normali). Avrà quindi bisogno del pubblico dietro di sé più della maggior parte degli altri presidenti se dovesse vincere.

E, più fondamentalmente, la fiducia nella politica francese è erosa al punto che i partiti tradizionali sono crollati e gli estremi dello spettro sono diventati attori centrali. Incoraggiare le persone a votare contro, piuttosto che a favore, alimenta solo questa sfiducia nella politica e approfondisce il senso di alienazione delle persone. Vincere un’elezione con un voto negativo potrebbe significare vincere una battaglia per perdere una guerra.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->