mercoledì, Luglio 28

Francia: Macron, dopo la pizza patrimonio Unesco, perché non la baguette? «Bisogna conservare quest’eccellenza e il savoir faire ed è per questa ragione che si deve iscrivere la baguette nel patrimonio mondiale» ha detto il presidente

0

«Conosco i nostri panettieri: hanno visto che i napoletani sono riusciti a far entrare la loro pizza nel patrimonio mondiale dell’ Unesco e si sono detti: perché non la baguette? E hanno ragione!» ha detto il Presidente francese Emmanuel Macron, nel corso di una cerimonia di auguri all’ Eliseo, quella delle “galette des rois“, il dolce con la sorpresa che arriva sulle tavole francesi a partire dal giorno dell’Epifania, avvenuta con i ‘maitres boulangers’.

Macron ha accolto con entusiasmo l’ iniziativa lanciata dal presidente della Confederazione nazionale della panetteria-pasticceria francese, Dominique Anract, che ha affiancato la baguette alla Tour Eiffel, come “uno dei principali simboli della Francia”.

Dopo, a dicembre 2017, la pizza napoletana, quindi, anche la baguette punta divenire patrimonio mondiale dell’ UNESCO. «La Francia – ha detto Macron – è un paese d’eccellenza nel pane, perché tutto il mondo le invidia la baguette. Bisogna conservare quest’eccellenza e il savoir faire ed è per questa ragione che si deve iscrivere la baguette nel patrimonio mondiale. E non soltanto il nome di baguette, ma anche gli ingredienti e la tecnica per farla». Inoltre, ha sostenuto il Presidente, «la baguette è il quotidiano dei francesi, qualcosa di particolare che abbiamo tutti i giorni al mattino, a mezzogiorno e alla sera».

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->