domenica, Aprile 18

Francia: in guerra col Trattato di Lisbona

0
1 2


Nel caso la posizione francese non fosse ancora chiara, dopo i bombardamenti dei giorni passati su Raqqa,  François Hollande ha voluto essere esplicito: vuole l’annientamento dello Stato Islamico. Il Presidente francese è ben consapevole che continuare a bombardare la Siria non è una tattica che può portare a soluzioni risolutive sul lungo periodo. Le bombe cadono dal 2014 e i risultati sono stati minimi rispetto allo sforzo militare messo in moto. Questa volta, la Francia, vuole essere davvero sicura di non lasciare nulla al caso e invoca, per la prima volta nella storia dell’Europa, la messa in atto dell’articolo 42.7 del Trattato di Lisbona.
Sembra chiaro a tutti, esperti compresi, che quella di Parigi è stata un’implicita dichiarazione di guerra. Così si è chiesta l’applicazione del Trattato di Lisbona nella parte relativa alla ‘mutua assistenza’ e si è aperta la strada all’approdo all’Articolo 5 della NATO -che già nelle ore immediatamente successive agli attacchi del 13 novembre alcuni analisti avevano ipotizzato.

Le parti contraenti il Patto Atlantico, hanno convenuto che un attacco armato contro una o più Nazioni, in Europa (come è accaduto ) o nell’America Settentrionale, sarà considerato come un attacco coordinato a tutte le Nazioni afferenti al Patto. Nel 1999 il Nuovo concetto strategico della NATO specificava che attacco armato erano da considerarsi anche «atti di terrorismo, di sabotaggio e di crimine organizzato, o anche alla interruzione del flusso di risorse vitali».
Considerato ciò viene riconosciuto (attraverso l’articolo 51 dello Statuto delle Nazioni Unite ) l’esercizio della legittima difesa individuale e collettiva a supporto delle una o più Nazioni vittime dell’attacco stesso.
Questa possibile mobilitazione prevede non solo lo schieramento di una componente militare ingentissima, ma soprattutto misure di politica estera per una maggior cooperazione  tra i Paesi del Patto Atlantico.
La ‘ratio’ di fondo di questa clausola di sostegno reciproco in caso di attacco è nata per evitare possibili crisi in seno alla regione europea o a quella dell’America settentrionale. Fino ad oggi, solo un’occasione è stata ritenuta tanto grave da giustificare una tale iniziativa politica: l’11 Settembre 2001, iniziativa che ha poi dato il via alle operazioni militari in Afghanistan.

La Siria, ovviamente, non è l’Afghanistan del lontano 2001, la situazione geopolitica è oltremodo critica e le forze in campo non sono solo un gruppo di ribelli armati di qualche lanciagranate. La Siria è una polveriera complessa in cui, è bene ricordarle, troviamo ancora un Bashar al-Assad che tenta con tutte le sue forze di ostacolare l’avanzata dello Stato Islamico. Ci sono i ribelli che ostacolano il regime di al-Assad e una Russia con un numero straordinario di bombardieri e forze speciali in campoo. L’Europa non voleva metterci mano nemmeno nel peggiore dei suoi incubi, ma è forse giunta l’ora di rivedere la situazione alla luce dei recenti avvenimenti, almeno secondo la Francia.

Lo schieramento militare che l’articolo 5 della NATO sarebbe in grado di riversare sul Medio Oriente sarebbe colossale ed è forse una delle tante ragioni per cui si è optato per il Trattato di Lisbona.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->