venerdì, ottobre 19

Francia: in arrivo nuovi limiti di velocità Dal 1 luglio, il limite di velocità sulle strade secondarie a doppio senso di marcia sarà di 80 km/h

0

Dal 1 luglio su 400.000 km di strade secondarie a doppio senso di marcia, il limite di velocità passerà dai 90 agli 80 km/h, adeguandosi ad altri Paesi. Lo ha annunciato il primo ministro Édouard Philippe che ha sottolineato come per il suo governo guidare piano è sinonimo di sicurezza: infatti, l’ obiettivo è ridurre il numero di morti per le strade francesi che nel 2016 è stato pari a più della metà  del totale dei decessi.

I critici hanno invece demolito la misura presa dal governo Philippe in quanto si tratterebbe di un altro modo per riempire le casse dello Stato con le multe. Tra i critici anche l’associazione “40 milioni d’automobilisti” che ha raccolto 600 mila firme: secondo gli attivisti dell’ associazione, la legge non sarebbe in grado di ridurre le morti e, perciò, sarebbe necessario piuttosto un miglioramento dei dispositivi di sicurezza installati sulle auto e maggiori controlli della polizia.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore