lunedì, Giugno 21

Francia, ecco il più grande impianto fotovoltaico d’Europa

0
1 2


In piena COP 21, la Francia ha inaugurato martedì l’impianto fotovoltaico solare più grande d’Europa. Il parco fotovoltaico più grande d’Europa è stato appena inaugurato a Cestas in Gironde, vicino a Bordeaux. Una struttura poco costosa, efficace e rapidamente implementata in solo 10 mesi per la produzione di energia elettrica con origine da fonti rinnovabili.

Questa fattoria solare di 230 ettari – equivalente a circa 350 campi di calcio –  è un simbolo. Dispone di più di un milione di pannelli solari, installati in un bosco incolto ereditato dalla tempesta Martin del 1999. Si noti che tutti gli alberi abbattuti per realizzare questo impianto sono stati ripiantati nel reparto come compensazione ecologica.

Con una capacità totale di 300 MWp, il più grande parco fotovoltaico d’Europa produrrà una media di 350 gigawattora (GWh) all’anno, che rappresenta il consumo medio di una città delle dimensioni di Bordeaux con circa 130.000 case. In confronto, questo corrisponde alla produzione di una terza quota di 900 MW di un reattore nucleare o la produzione di 100 – 150 turbine eoliche.

All’occasione della COP21 di Parigi è nato il Global Solar Council, la prima alleanza mondiale dell’industria solare. L’obiettivo principale del Global Solar Council, composto da 17 associazioni solari, è rimuovere tutte le barriere economiche e burocratiche che ostacolano la diffusione su larga scala del fotovoltaico. Il Global Solar Council entro il 2025 intende sfruttare il fotovoltaico per eliminare l’utilizzo delle lampade a kerosene in tutto il mondo.

Un concept innovativo. «Con meno di 300 ettari occupati, è quattro volte più potente per ettaro rispetto agli altri parchi costruiti in Francia, dimostrando che il fotovoltaico ha raggiunto la maturità tecnologica che permette di adattarsi con grande sobrietà nei territori», ha detto Xavier Barbaro, CEO di NEOEN, l’uomo dietro a questo progetto, un produttore indipendente francese di energia rinnovabile. «Oggi una centrale come quella di Cestas producce quattro volte più elettricità per una superficie equivalente rispetto agli altri impianti in Francia i cui pannelli sono tutti orientati a sud».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->