sabato, Aprile 17

Francia: continuano gli scioperi E' la quinta volta dall'inizio di aprile che il traffico ferroviario viene paralizzato per due giorni. 

0

Un altro sciopero contro la riforma ferroviaria portata avanti dal Presidente Emmanuel Macron ha bloccato la Francia. E’ la quinta volta dall’inizio di aprile che il traffico ferroviario viene paralizzato per due giorni. Per la prima volta, però, dall’inizio delle mobilitazioni sociali, avvengono nello stesso periodo lo sciopero di Air France e di Sncf.

I ferrovieri si oppongono alla riforma voluta da Macron e difendono il loro “statuto” che li ha fin qui protetti da tagli, aumenti dell’età pensionabile.  Alcuni sindacati hanno minacciato di prolungare l’ondata di scioperi diversificata anche durante l’estate.

Air France, infatti, ieri ha iniziato lunedi 23 aprile il decimo giorno di sciopero in due mesi. Ma l’ azienda assicura che saranno garantiti il 65% dei voli a lungo e medio raggio e l’85% per quelli a breve raggio. Quindi circa il 25% dei voli sarà annullato.

Per il capo di Sncf, Guillaume Pepy, oggi «ci sono quattro ferrovieri su cinque al lavoro” ma “chi guida i treni sciopera al 60%: un numero molto inferiore rispetto all’inizio dello sciopero (a inizio marzo), quando erano il 77%».

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->