martedì, Settembre 21

Francia: comprato all’ asta lo scheletro di un mammut Ad acquistarlo, il leader di Soprema, una società di materiali di costruzione francese

0

548 mila e 250 euro, pari a 640 mila dollari, ha speso Pierre-Étienne Bindschedler, il leader di Soprema, una società di materiali di costruzione francese per acquistare, all’asta a Lione, “The President” cioè lo scheletro di mammut risalente a 12.000 anni fa, ma scoperto in Siberia sei anni fa. A spingere il rappresentante a comprarlo, la necessità dell’ azienda di usare l’ animale come proprio logo. «Lo metteremo nella hall della società credo che troveremo il posto» ha detto l’ imprenditore, vincitore dell’ asta. 

Ma questo non è stato lo scheletro più caro venduto: l’ anno scorso, nel 2016, infatti, venne acquistato lo scheletro di un dinosauro per 1 milione 200 mila euro. Lo scheletro del mammut è alto più di tre metri di altezza, con zanne di 160 chilogrammi. «A Lione ci saranno, si è no, una cinquantina di persone che potrebbero ospitarlo in casa ma nel mondo ce ne sono sicuramente 500, se non un migliaio, che potrebbero accoglierlo all’ingresso o nell’androne di uno spazio privato o di un ufficio» aveva detto il banditore di aste Claude Aguttes.

Il possessore precedente era un cacciatore di mammut britannico che lo aveva collocato all’ entrata del suo castello in Inghilterra, «ma ai figli non piaceva» – dichiara Eric Mickeler, l’esperto incaricato dalla casa d’aste «Erano anni che cercavo di convincerlo a metterlo in vendita e alla fine l’ho convinto».

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->