lunedì, Maggio 17

Francia, chi è il nuovo premier Edouard Philippe

0

E’ Edouard Philippe, sindaco di Le Havre, esponente moderato della destra dei Republicains, il nuovo premier francese. La nomina è stata ratificata dal neo presidente Emmanuel Macron. Ad annunciarlo il segretario generale dell’Eliseo, Alexis Kohler.

«Sono un uomo di destra e tuttavia tutto il mio impegno è ispirato dall’interesse generale», ha detto Philippe nel breve discorso di ringraziamento e commiato al suo predecessore, Bernard Cazeneuve. «Lei è di sinistra, io sono di destra, questo non la sorprenderà e tuttavia entrambi abbiamo stima per l’altro. E sappiamo che l’interesse generale deve guidare tutto l’impegno dei politici, dei rappresentanti dello Stato e dei nostri concittadini».

Philippe, studi prestigiosi all’École nationale d’administration (Ena), ha militato nel Partito socialista di Michel Rocard prima di passare alla destra neogollista. E’ stato segretario generale dei Republicains quando il partito si chiamava Ump. Nel 2007 ha fatto parte del gabinetto di Juppé, come ministro dell’Ecologia sotto la presidenza Sarkozy. Poi nel 2010 è diventato sindaco di Le Havre. Philippe è stato anche al centro di polemiche per una dichiarazione dei redditi fornita in modo parziale.

Ma appunto le critiche sono subito arrivate. In molti vedono Philippe vicino ai conservatori, ma anche rappresentativo di una nuova generazione di politici che da tempo cerca di prendere le distanze dai partiti tradizionali. Inoltre la sua nomina spacca molti degli equilibri a destra: Philippe attira su di sè molti consensi, tanto che il leader di sinistra Jean-Luc Mélenchon avvisa: «Così la destra viene incorporata nel nuovo governo».

(video tratti dai canali Youtube di L’Express, France 24 e Brut)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->