venerdì, Ottobre 15

Francia, calo drastico in campagna degli uccelli Alcune specie si sono ridotte di un terzo in 15 anni, una tendenza che si è accelerata negli ultimi due anni. E in Europa non va meglio

0

Gli uccelli che vivono in habitat agricoli stanno scomparendo velocemente in Francia. A dirlo è lo studio Suivi Temporel des Oiseaux Communs (STOC) condotto dal CNRS e dal Museo di storia naturale francese. In particolare è emerso che alcune specie si sono ridotte di un terzo in 15 anni, una tendenza che si è accelerata negli ultimi due anni.

Le pratiche agricole sono all’origine di questa accelerazione del declino degli uccelli, che risulta estremamente variabile da zona a zona. Alcune specie come l’allodola di campo, l’usignolo grigio o l’ortolano hanno perso circa un terzo di esemplari in tre lustri. Un declino che riguarda anche altri Paesi del Vecchio Continente e che è andato accelerandosi negli ultimi anni. Tra le cause i pesticidi e in particolare gli insetticidi hanno una importante responsabilità. Uno studio tedesco l’autunno scorso evidenziava il crollo del numero di insetti nel continente, sceso del 76% in 30 anni. Il che si traduce in una sistematica riduzione del cibo per i volatili.

In Italia le cose non vanno meglio.  LaLipu, in un convegno a Milano a fine gennaio, denunciava il calo del 42,4%, in pianura, degli uccelli tipici dell’ambiente agricolo negli ultimi 15 anni.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->