mercoledì, Aprile 21

Francia, a Vienne spunta una piccola Pompei

0

Un ritrovamento incredibile è avvenuto nelle vicinanze di Vienne, a circa 30 km a Sud di Lione, in Francia. Una città romana, esistita per tre secoli, composta da ville di lusso arredate con mosaici e statue monumentali, distrutta da una serie di incendi improvvisi. Gli studiosi l’hanno definita una piccola Pompei.

«Abbiamo avuto un’opportunità inaudita. Questo è senza dubbio lo scavo di un sito romano più importante degli ultimi 40 o 50 anni», ha detto l’archeologo Benjamin Clement. La città di Vienne, già famosa per il suo teatro romano e per un tempio, fu un importante nodo nella strada che collegava la Gallia settentrionale con la provincia della Gallia Narbonensis, la Francia meridionale di oggi.  La scoperta di questa nuova parte è avvenuta ad aprile durante la costruzione di un caseggiato. Immediato lo stop ai lavori e l’arrivo degli archeologi. I lavori sarebbero dovuti terminare a metà settembre, ma sono stati prorogati fino al 15 dicembre dal ministero della Cultura francese per consentire ulteriori scoperte.

L’area, circa 7mila metri quadrati, contiene case datate attorno al I secolo e si ritiene sia stata abitata per 300 anni prima di essere abbandonata per una serie di incendi. I materiali ritrovati, molti in stato di perfetta conservazione, la rendono simile a Pompei. Tra le strutture che sono parzialmente sopravvissute, anche un’imponente casa dei Baccanali, all’interno della quale c’è una pavimentazione a mosaico che mostra una processione di menadi e dei satiri. Ma gli scavi continuano e molto altro potrebbe emergere da Vienne.

(video tratto dal canale Youtube di France 24)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->