lunedì, Settembre 27

Francesco Tortora e il suo mondo romanzato a Bangkok Dopo 35 anni di attività giornalistica, con i suoi romanzi che si svolgono nella Capitale thailandese, oggi viene ospitato in una importante rubrica intitolata ‘Beyond The Lines’, diretta da Keith Nolan

0

Francesco Tortora è tra i co-fondatori di ‘L’Indro’ fin dalla sua prima generazione, nel 2012. Trentacinque anni di professione giornalistica e la partecipazione a tante testate che hanno contribuito alla storia dell’editoria in Italia, il cui elenco è davvero molto lungo. Basti citare testate quali KING e MODA quando erano di proprietà della Nuova Eri RAI, fondate e dirette dalla mente creativa inimitabile di Vittorio Corona, oppure due testate delle quali è stato direttore responsabile, il quotidiano regionale diffuso nel Lazio, il Resto ed il quotidiano nazionale il Patto di Segni e Scognamiglio. Negli ultimi anni, in concomitanza con l’acquisizione della posizione di Redattore Senior per Lindro, svolge la mansione di approfondimento geopolitico per i Paesi dell’Area Sud Est asiatica, quali i Membri dell’ASEAN, in special modo la Thailandia, Nazione che conosce bene, in quanto vi risiede e lavora, producendo -tra altre cose- anche la rassegna stampa borsistica per mondidicanapa.it oltre che per Lindro.

Ancora più recentemente, durante il periodo duro del lockdown che in Italia ha visto sfilare morte, sofferenza e solitudine, quella solitudine dettata dalla reclusione in casa a causa della pandemia, ha cominciato a sperimentarsi anche nella scrittura di romanzi. La realizzazione di volumi non è una novità, in quanto ha realizzato libri di Geopolitica e Affari Esteri dedicati alla Geopolitica del Sud Est Asia ma anche volumi incentrati allo studio della cosiddetta “notiziabilità” delle notizie, oltre che realizzare un portfolio dedicato alla vita quotidiana a Bangkok per i tipi dell’Editore web americano lulu.com.

Durante la permanenza in Italia nel periodo più cupo della segregazione imposta dal rischio Covid, ha cominciato a condensare i suoi sforzi nella scrittura di romanzi che hanno alcune caratteristiche particolari, come la ricchezza di link ipertestuali attraverso i quali visitare le location di Bangkok menzionate nei suoi testi, collegarsi ai video musicali su YouTube circa i vari brani citati nei suoi romanzi, sempre pieni di musica, in quanto lo stesso Francesco Tortora è batterista dall’età di 14 anni, particolarmente innamorato del Jazz e degli standard più famosi di tutti i tempi. Non caso, spesso diche che il Jazz è la sua “casa”.

In queste ultime settimane, nonostante sia nuovamente infilato in un nuovo lockdown, qual è quello che stringe in una morsa Bangkok, dove -come in altre parti della Thailandia- la diffusione del Covid sta vivendo la sua terza e quarta ondata, ha cercato e trovato l’accoglienza della comunità letteraria di Bangkok e della Thailandia, attraverso un altro musicista ed appassionato di Arti, Keith Nolan, di origine irlandese, il quale vive stabilmente a Bangkok da lungo tempo ed è diventato una vera icona nel mondo della musica nella Capitale thailandese, oltre che essere lo stargate più importante per accedere al mondo della Letteratura e delle varie Arti prodotte a Bangkok e in Thailandia da parte di tutti gli stranieri che vi passano, vi sono transitati o che vi vivono più o meno stabilmente.

Il suo canale YouTube ed il programma talk show intitolato Beyond The Lines, infatti, è il luogo di raccolta di tutte le più rilevanti figure della Letteratura contemporanea che in Bangkok e nella Thailandia hanno trovato la propria ispirazione principale.

In questo modo, Francesco Tortora, si è ritrovato accolto in un contesto dove s’è ritrovato posto accanto a nomi quali Christopher G Moore, Tim Hallinan, Jim Newport, JoeCummings, James Newman, Dean Barret, Jack Needam, tra tanti altri, soprattutto John Burdett che lo stesso Francesco Tortora cita spesso come una delle sue principali fonti di ispirazione e tra i motivi per i quali è andato a vivere a Bangkok, in particolar modo col suo giallo “Bangkok 8”.

I due romanzi che hanno portato Francesco Tortora a condividere la sua passione per Bangkok con tanti altri scrittori.

LE JURASETSU DI BANGKOK

Il romanzo si svolge nella capitale thailandese Bangkok, che l’Autore conosce bene, avendovi viaggiato spesso, fino a vedervi riposare il cuore e la vita nella sua interezza: una moglie, una casa e un lavoro.

Gran parte del romanzo è permeato dalla musica di Miles Davis, famoso trombettista americano, tanto che immagini e parole spesso svolazzano nel testo, fondendosi con l’atmosfera delle sue partiture, come se si trattasse di una vera e propria colonna sonora.

Le Jurasetsu sono divinità buddiste che hanno trovato una propria definizione più chiara trasmigrando dal Buddismo originario, in India, attraverso il Buddismo Theravada (quello che – partito dallo Sri Lanka, si è diffuso maggiormente in Thailandia – tra le altre Nazioni asiatiche) fino a raggiungere il Giappone nel 1200 dove il monaco Nichiren Daishonin attribuiva loro un valore più inteso in termini di funzioni piuttosto che nel senso di divinità percepita in senso stretto.

SOTOON TAXISTA FILOSOFO A BANGKOK

Sotoon una volta era un docente. Oggi è un tassista appassionato di Filosofia. Uno strano modo di svolgere la sua professione, con una copia della Critica della ragion pratica di Immanuel Kant nel vano portaoggetti del suo colorato veicolo, colorati come i taxi di Bangkok, la capitale thailandese dove si svolge la sua vita e il suo lavoro.

Accoglie clienti e passeggeri nel suo taxi e ognuno di loro è una storia di vita, più o meno reale, più o meno fantasiosa. Ma ognuno dei suoi passeggeri è – in un certo modo – anche una “cartolina” dell’essere umano, da qualsiasi angolo del mondo da cui proviene e verso qualsiasi angolo del mondo in cui si dirige. L’alternanza dei turni, la quotidianità domestica, scandita da profonde riflessioni, la Country Music USA – altra sua passione – tutto viene improvvisamente interrotto da una serie di personaggi e contesti assolutamente estranei a questa ciclicità e che – soprattutto – lo fanno ritrovare in situazioni di pericolo, rischio, ansia, tradimenti imprevisti.

I romanzi di Francesco Tortora, LE JURASETSU DI BANGKOK e SOTOON TAXISTA FILOSOFO A BANGKOK sono acquistabili su www.ilmiolibro.it www.amazon.itwww.lafeltrinelli.it www.libraccio.it www.ibs.it

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->