mercoledì, Ottobre 20

Francesco, le case e i senza casa

0
1 2


I dati italiani sulla povertà continuano a essere drammatici, anche se si è mostrato apprezzamento per alcune politiche del Governo guidato da Matteo Renzi, e «per l’impegno ad un confronto con l’Alleanza contro la povertà per costruire un percorso credibile, pur nella consapevolezza di limiti e difficoltà». Ma, per converso, appare clamorosa quanto chiara un’altra annotazione della Caritas. L’organizzazione che in concreto di dedica al sostegno delle fasce più deboli parla dell’azione del Governo Renzi come di qualcosa che ha portato a qualche ‘marginale risultato’ (vedi bonus bebè e gli 80 euro, cosa che però incrementa del solo 5,7 per cento le possibilità di spesa), ma nella sostanza si conferma la «tradizionale disattenzione della politica italiana verso le fasce deboli». E se il dibattito in Italia, sul tema della povertà, è cresciuto, lo si deve, secondo la Caritas, al Movimento Cinque Stelle. In particolare viene posta in rilievo la battaglia sul reddito di cittadinanza.

 

Dunque, tra case religiose a pagamento esentasse e senzacasa, Francesco ha scelto gli ultimi. Come sempre. In attesa della pubblicazione, il prossimo 17 ottobre, del nuovo Rapporto Caritas sulla povertà alimentare in Italia e in Europa. Vera ‘rivoluzione’ francescana nella Chiesa, dunque, anche se rimangono aspetti da approfondire.

Come fa, a questo proposito, chi sostiene che si sta ancora ‘raccontando la mezza messa’. Così come afferma Maurizio Turco, esponente dei Radicali Italiani e tra i massimi esperti della questione dei Beni Vaticani, in senso lato: «Non si possono dimenticare le scuole e tutte le altre strutture che dovrebbero ricadere sotto l’egida della tassazione statale». Giusto, ma per ora noi ci accontentiamo, convinti del fatto che, troppo non dispiaccia ad Antonio Socci, questo è Francesco. Eccome se è Francesco. E l’impressione, la fortissima impressione, la certezza, è che abbia appena incominciato. E che abbia tutte le intenzioni di continuare a fare sul serio.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->