lunedì, Giugno 27

Francesco e la ‘sua’ chiesa. Finalmente Dopo la nomina di Matteo Zuppi alla guida dei vescovi italiani

0

Dopo la nomina di Matteo Zuppi alla guida dei vescovi italiani, la CEI, è finalmente chiaro che Papa Francesco ha (di nuovo: finalmente) preso in mano i gangli decisionali della Chiesa Cattolica italiana, europea, universale. Cattolica, appunto.

Matteo Maria Zuppi, sessantasei anni essendo nato a Roma l’11 ottobre 1955, è Arcivescovo di Bologna dal 27 ottobre 2015, Cardinale dal 5 ottobre 2019, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana dal 24 maggio 2022. Dopo l’incontro, inizio degli anni ’70, con Andrea Riccardi fondatore della Comunità di Sant’Egidio, si coinvolge e comincia a lavorare prima nelle scuole popolari poi con gli anziani soli e gli immigrati. Decisivo il suo ruolo per la mediazione e la pace in Mozambico. Giudizio sintetico: un sant’uomo. Giudizio ‘strategico’: un altro Jorge Mario Bergoglio, con le sue peculiari caratteristiche e differenze umane e cristiane.

Francesco e la ‘sua’ chiesa, dunque. Che poi se c’è uno che della Chiesa Cattolica non ha fatto cosa propria (cioè ‘cosa nostra’, e ogni allusione è puramente voluta) è proprio Bergoglio. Ecclesia, Assemblea, Sinodo, Popolo di Dio… Ogni termine storico rimanda ad un dato collettivo, ora la ‘monarchia’ dell’uomo solo al comando inizia ad essere finalmente (ancora) riassorbita grazie a lui. Occorre però ‘comprendere’ Francesco. Già, proprio etimologicamente comprenderlo. Assorbire e metabolizzarne la sua grandezza e la radicale, rivoluzionaria, alterità. Unica, probabilmente, nel panorama mondiale. In ogni ambito. E, nella fattispecie, l’autentico legame con il primo fondatore, Gesù Cristo. (Poi sono venuti Paolo di Tarso e Costantino, ma questa è un’altra storia. A volte radicalmente altra).

E allora, Francesco che può agire finalmente (ripetiamo) con quasi piena libertà nella vicinanza alle persone. Con e nella misericordia. Papa, Vescovi, buon Dio e poveri uomini. Sopra tutto poveri uomini.

FRANCESCO E LA ‘SUA’ CHIESA /1 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’

End Comment -->