sabato, Maggio 8

Flat tax: perché si, perché no

0
1 2 3


Come si articolerebbe il nuovo sistema di deduzione?Fino a 35mila euro di reddito familiare hanno diritto alla deduzione tutti i membri della famiglia. Tra 35 e 50mila euro di reddito hanno diritto alla deduzione solo i carichi familiari. Oltre 50mila euro, si applica l’aliquota al 15% senza alcuna deduzione”.

La proposta di legge del Carroccio salverebbe la cosiddetta no tax area, ‘l’enclave’ del fisco italiano. Attualmente infatti non pagano le tasse i pensionati sotto i 75 anni con un reddito massimo di 7.500 euro, stessa sorte per i pensionati che hanno più di 75 anni e un reddito di 7.750 euro. Appartengono alla zona franca anche i lavoratori dipendenti con reddito massimo di 8.000 euro e i lavoratori autonomi con reddito di 4.800 euro. “La no tax area non cambierà di una virgola” aggiunge Siri, “resterà anche con l’introduzione della ‘tassa piatta’”La no tax area non cambierà dunque, ma a diminuire, almeno all’inizio, sarà il recupero del gettito fiscale. Secondo le ipotesi della Lega infatti, la flat tax italiana costerebbe 50 miliardi di euro: mancherebbero all’appello 35 miliardi d’incasso dell’IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche) e 15 miliardi dell’IRES (imposta sul reddito delle società).

Come fare a recuperare questi 50 miliardi? Ci sono due modi: attraverso il recupero del sommerso oppure con la ‘rottamazione’ delle cartelle ferme a Equitalia per i cosiddetti crediti inesigibili, con un ’saldo e stralcio’. Mi spiego, sono 350mila i contribuenti che verosimilmente non riusciranno mai a pagare le cartelle esattoriali. Con il saldo di una percentuale che va a seconda dei casi dal 6 al 25% questi contribuenti azzererebbero il loro debito con il fisco. L’operazione porterebbe nelle casse dello Stato 60 miliardi di euro. Sul sommerso invece, secondo le nostre stime, in Italia una drastica riduzione del peso fiscale al 15% porterebbe alla luce, già dal suo primo anno di applicazione, almeno il 40% del sommerso per un valore stimato di 160 miliardi di euro che garantirebbe un gettito tributario di almeno 20 miliardi di euro all’anno. Vede? Le coperture ci sono”

Le tasse? Diminuiscono. La no tax area? Illesa. Le coperture? Ci sono. A questo punto il ‘Grande Bardo’ William Shakespeare direbbe: «Dov’è l’intoppo?».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->