venerdì, Luglio 30

Fisco, semplificare le normative Intervista a Massimiliano Casto, consulente del lavoro, tributarista, economista d’impresa

0
1 2


I crediti della Pubblica amministrazione verso imprese e cittadini non riescono a essere compensati con i debiti, agevolando procedimenti burocratici e migliorando la vita della popolazione. La complessa questione è ormai vecchia e non riesce a trovare una soluzione definitiva, tornando prepotentemente in primo piano quando si parla di crescita economica. Con la compensazione sarebbe più semplice per le imprese pagare soltanto la differenza di quanto devono alla Pubblica amministrazione, continuando senza sosta a produrre con maggiore facilità. Pagare soltanto il saldo della differenza tra crediti e debiti è sicuramente più semplice di due operazioni contabili.

Il sistema sarebbe più snello e consentirebbe una rapida verifica della situazione fiscale di imprese e cittadini, favorendo anche una visione più chiara del profilo fiscale dei contribuenti. È utile osservare che per le imprese i crediti di lunga durata hanno portato, negli ultimi anni, alla chiusura o al fallimento di centinaia di aziende con una conseguente perdita dell’occupazione. La normativa vigente dell’Agenzia delle Entrate risulta vessatoria nei confronti dei contribuenti. L’interpretazione fornita dalla stessa Agenzia delle Entrate (articolo 26, comma 2, del Dpr n. 633/1972) impone di attendere la fine della fase esecutiva prima di procedere all’emissione della nota di variazione, procrastinandola all’infruttuoso esperimento della procedura.

Con Massimiliano Casto, consulente del lavoro, tributarista, economista d’impresa, cerchiamo di comprendere la situazione fiscale italiana e, più in generale, le possibili soluzioni praticabili per risolvere il problema della compensazione dei crediti e dei debiti dei contribuenti con la Pubblica amministrazione.

 

I crediti delle imprese faticano a essere compensati con i debiti della Pubblica amministrazione. Qual è il motivo principale di questa scarsa applicazione? Dove si può correggere la procedura?

La Legge di stabilità di quest’anno ha esteso al 2015 la possibilità di compensare le cartelle esattoriali con i crediti certificati vantati nei confronti della Pubblica amministrazione, ma il sistema non riesce a decollare. In realtà, la confusione parte dal decreto che aveva introdotto le compensazioni, entrato in vigore nel 2014 -conosciuto con il nome ‘Destinazione Italia’- che demandava a un decreto del Ministro dell’Economia, di concerto con quello dello Sviluppo Economico, il compito di stabilire le modalità di compensazione delle cartelle esattoriali in favore delle imprese titolari di «crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, per somministrazione, per forniture, per appalti e servizi, anche professionali, maturati nei confronti della Pubblica amministrazione». Il motivo principale della scarsa applicazione di questa compensazione è la farraginosità del meccanismo; la procedura è alquanto complessa, sicuramente non alla portata del singolo contribuente che, se vuole usufruirne, deve rivolgersi a professionisti, i quali chiedono onerosi compensi. La via per far decollare la procedura della compensazione dei crediti con i debiti con la Pubblica amministrazione è quella di semplificare la procedura e i passaggi, quella della registrazione della piattaforma elettronica della Ragioneria dello Stato, quella pratica con il concessionario Equitalia.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->