giovedì, Aprile 22

Filippine, le immagini dei bombardamenti all’Isis

0

Continua nelle Filippine l’assedio a Marawi, nei confronti dei militanti dell’Isis. La situazione per il momento sembra ancora in fase di stallo. I diversi tentativi di tregua, per fornire sostegno ai civili, infatti, sono stati rotti dai jihadisti, che ne hanno approfittato per attacchi a sorpresa. SI parla di almeno 1.000 residenti bloccati in mezzo ai combattimenti.

Le immagini che proponiamo mostrano i bombardamenti dell’aviazione filippina, che prova a stanare le forze dell’Isis. E naturalmente a rischiare di più sono gli abitanti, che da una parte subiscono i bombardamenti e dall’altra le vessazioni dei militanti dell’Isis, che obbligano i cristiani a convertirsi all’Islam o, in caso di risposta negativa, subiscono punizioni che possono arrivare fino alla morte.

Le operazioni dell’esercito proseguono a rilento. I miliziani a Marawi hanno cominciato a usare i civili come scudi umani, inoltre usano le moschee per nascondersi e una rete di tunnel sotterranei per spostarsi senza essere visti dai soldati filippini. Nelle scorse ore i militari però hanno fatto sapere di aver arrestato un altro leader dell’Isis e si spera di arrivare a breve ad una risoluzione del conflitto.

Intanto arrivano i primi numeri di questi scontri che ormai durano da quattro settimane: le vittime accertate sono ormai 310, ossia 225 militanti, 59 soldati e 26 civili. A questi numeri vanno probabilmente aggiunti gli almeno 100 corpi  non ancora recuperati nell’area degli scontri.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->