giovedì, Aprile 15

Filippine: i ‘jeepneys’ e la lotta per la sopravvivenza La campagna "Tanggal Bulok, Tanggal Usok" lanciata dal governo contro i caratteristici mezzi di trasporto

0

L’ Alleanza di Solidarietà dei Trasporti nel Nord Mindanao-Pinagkaisang Samahan ng mga Tsuper presso gli Operatori Nazionali (Starex-Piston) ha lanciato la campagna governativa “Tanggal Bulok, Tanggal Usok“, definendola un tentativo segreto di eliminare gradualmente i ‘jeepneys’. 

La campagna “Tanggal Bulok, Tanggal Usok” utilizza il sistema di ispezione dei veicoli a motore (MVIS) per verificare il valore di strada di un veicolo di pubblica utilità. Se le autorità trovano un veicolo pubblico non sicuro, impongono una multa di 5.000 pesos al proprietario. «Dove gli operatori riceveranno la multa da 5.000 pesos quando spenderà anche l’importo per il mantenimento di questi jeep? » ha detto Lago, secondo cui si tratta di un programma per costringere gli operatori ad acquistare i costosi “jeepneys moderni” .

Il direttore regionale di Land Transportation Office-Northern Mindanao, Oscar Salcedo ha affermato che è in corso un’ispezione su strada dei veicoli pubblici per garantire che i PUV siano all’altezza degli standard. «Controlliamo se le ruote sono ancora a posto, se il fumo emesso è all’interno della tolleranza livello in grado, controlla tutte le parti dei jeepney per vedere se sono ancora al sicuro per uso pubblico. Se non rispettano le caratteristiche, saranno ovviamente multati. Quello che stiamo facendo è solo per la sicurezza dei passeggeri e anche per proteggere i proprietari», ha detto Salcedo. 

Il Sottosegretario del Dipartimento dei Trasporti (DOTr) Thomas M. Orbos ha detto che un totale di 19 gruppi di trasporto hanno firmato accordi con i produttori Eco Dyip Inc. e MCCI Connection Transport Services Corp.per la consegna di oltre 3.000 jeep in tre mesi.

 

(Video tratto dal canale Youtube Aljazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->