sabato, Maggio 8

Filippine, contestazioni per l'Imperatore giapponese 5 giorni nel Paese per i 60 anni delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi

0

L’Imperatore giapponese Akihito, insieme alla consorte Michiko, è stato ricevuto a Manila dal Presidente delle Filippine, Benigno Aquino, nel corso della sua visita ufficiale nel Paese. La visita dell’Imperatore nel Paese durerà cinque giorni ed è l’occasione per celebrare il sessantesimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi e rafforzare i rapporti economici e commerciali. Ma è soprattutto l’occasione per onorare le migliaia di persone morte durante l’occupazione delle Filippine da parte del Giappone nel 1945.

Diverse le manifestazioni che si sono avute nel Paese, tra cui quella nei pressi del palazzo presidenziale, con le ex schiavi sessuali al tempo di guerra dell’esercito giapponese che hanno chiesto a gran voce compensazioni a riguardo. Narcisa Claveria, 85 anni, è stata rapita nel 1943 ed è diventata una schiava del sesso per i soldati giapponesi e a Euronews racconta: «Il mio messaggio per l’Imperatore è che, dal momento che hanno già riconosciuto le ‘donne di conforto‘ coreane, perché non fare lo stesso con le vittime filippine? Dovrebbero riconoscere anche noi perché siamo tutte vittime». Le schiave del sesso della Corea del Sud hanno ricevuto da Tokyo la promessa di avere al più presto più di 8 milioni di dollari. Chissà se avverrà anche per le donne filippine.

 

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->