venerdì, Maggio 7

Fiat: a Barcellona la prima 500 virtuale in 3D La Accenture ha realizzato per Fiat un sistema di configurazione in realtà aumentata applicato alla 500

0

Si è appena concluso il Mobile World Congress di Barcellona, tenutosi dal 22 al 25 febbraio. L’evento ha raccolto un grande successo: la città catalana, infatti, per una settimana è diventata il centro dell’innovazione tecnologica a livello internazionale, mostrando al mondo il meglio possibile presente sulla piazza per quanto riguarda smartphone, software, device indossabili e molto altro ancora. Inoltre, è stato dato ampio spazio anche al mondo delle start-up.

Molte le aziende italiane coinvolte, tra cui spicca Fiat. Utilizzando la tecnologia creata da Google, Project Tango, che abilita un dispositivo mobile ad esplorare l’ambiente fisico circostante e che permette ai dispositivi Android di ‘avere’ uno schermo in 3D in grado di sovrapporre elementi virtuali e oggetti del mondo, la Accenture (multinazionale di consulenza di direzione, servizi tecnologici e outsourcing) ha realizzato per Fiat Chrysler Automobiles un sistema di configurazione in realtà aumentata applicato alla 500.

Di fatto, si tratta della prima soluzione mobile di questo tipo in grado di riprodurre un veicolo virtuale in 3D a grandezza naturale. Ora, grazie ad un dispositivo mobile, è possibile ‘salire sulla 500’, scegliere e cambiare gli interni, il colore della carrozzeria e persino accendere i fanali.

Ma a cosa serve riprodurre un veicolo in 3D e a grandezza naturale? Aiuterà soprattutto i consumatori, migliorando la loro esperienza di acquisto: tutti i potenziali acquirenti potranno ‘sedere’ dentro ad una realistica riproduzione dell’auto che vogliono acquistare e valutare, sia presso il concessionario sia a casa loro, il possibile acquisto.

Per chiunque non voglia perdersi queste anteprime, la prossima edizione del Mobile World Congress inizierà il 27 febbraio 2017, nuovamente a Barcellona.

 

(video tratto dal canale YouTube del Wall Street Journal)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->