giovedì, Aprile 22

Festival di Cannes: al via la 69esima edizione Cinema e dintorni

0

E’ iniziata ieri sera la sessantanovesima edizione del Festival del Cinema di Cannes, che ogni anno consegna la sua palma d’oro a pellicole entrate a far parte di diritto nella storia della cinematografia mondiale. Quest’anno la giuria sarà presieduta da George Miller, regista della grande sorpresa degli oscar 2016 Mad Max: Fury Road. L’eclettico cineasta non sarà solo nella sua direzione ‘d’orchestra’, ma sarà accompagnato da Donald Sutherland, Valeria Golino, Kirsten Dunst, Vanessa Paradis, Låzló Nemes, Mads Mikkelsen e Arnaud Desplechin. Tra i film in gara vediamo un grande ritorno sul red carpet francese, quello di Pedro Almodovar con la sua ‘Julieta‘ che gareggerà con ‘The Neon Demon‘ di Nicolas Winding Refn, ‘Elle‘ di Paul Verhoeven, ‘Paterson‘ di Jim Jarmusch, ‘The last face‘ di Sean Penn, ‘American Honey‘ di Andrea Arnold, ‘Personal shopper‘ di Olivier Assayas, ‘The Unknown girl‘ di Jeanne-Pierre Dardenne e Luc Dardenne, ‘Juste la fin du monde‘ di Xavier Dolan, Ma Loute di Bruno Dumont, ‘I, Daniel Blake‘ di Ken Loach, Rester Vertical di Alaine Guiraudie, Aquarius di Kleber Mendonça Finho, ‘From the land of the moon‘ di Nicole Garcia, ‘Ma’Rosa’ di Brillante Mendoza, ‘Bacalaureat‘ di Cristian Mungi, ‘Loving‘ di Jeff Nichols, ‘The Handmaiden‘ di Park Chan-Wook, ‘Sieranevada‘ di Cristi Puiu, ‘Forushande‘ di Asghar Farhadi. Ad aprire la manifestazione è stata la presentazione del nuovo film di Woody Allen ‘Cafè Society’, mentre nei prossimi giorni altri grandi nomi del cinema proietteranno le loro pellicole fuori concorso come Steven Spielberg con ‘Il GGG – il Grande Gigante Gentile‘ e Jody Foster con ‘Money monster‘. Nessun film italiano presente nel concorso ufficiale, ma tre grandi nomi candidati nella altre sezioni del festival come ‘Pericle il nero‘, con protagonista Riccardo Scamarcio, di Stefano Mordini, ‘La pazza gioia‘ di Paolo Virzì e ‘Fiore‘ di Claudio Giovannesi.

 

(fonte video tratta da canale YouTube ‘Euronews‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->