sabato, Aprile 10

Ferragosto, festività pagana field_506ffb1d3dbe2

0

AUGUSTO-PRIMO-IMPERATORE-ROMANO-1Siamo abituati a festeggiare il 15 agosto come l’Assunzione della Santissima Vergine, in verità la festività religiosa non è altro che un riuscito intervento di cristianizzazione di una festività pagana molto popolare nell’antica Roma, troppo popolare per essere semplicemente soppressa dalla nuova religione. Dell’antica festa pagana è sopravvissuto tuttavia il nome latino dell’evento: Ferragosto deriva infatti dalla locuzione latina feriae Augusti, che significa “riposo di Augusto”.

Insieme ai Vinalia rustica, i Consualia (periodo di celebrazioni in onore di Conso, divinità protettrice del raccolto immagazzinato) e le Opiconsiva (festa del 25 agosto in cui si celebrava Opi, dea della fertilità), altre festività del mese di agosto, le Feriae Augusti celebravano i raccolti e la fine dei principali lavori agricoli; tali eventi furono unificati in un unico periodo di “ferie” per concedere ai contadini un adeguato periodo di riposo, cui fu dato il nome di Augustali ed aveva la durata di circa un mese. Istituite da Augusto nell’18 a.C., le feriae Augusti erano un evidente tentativo di promozione politica, che avrebbe celebrato la figura dell’imperatore associandola ad un periodo lieto del calendario contadino.

A Ferragosto i lavoratori porgevano gli auguri ai padroni di “Bonas ferias augustales”, ricevendo in cambio una mancia, venivano organizzati riti collettivi, banchetti, bevute ed eccessi sessuali. Le celebrazioni prevedevano corse di cavalli e gli animali da tiro venivano esonerati dal lavoro e agghindati con fiori; l’usanza sopravvive ancora oggi nel Paio dell’Assunta di Siena, che si svolge nella città toscana il 16 agosto. Il termine “paio” dopotutto deriva dal latino pallium, il drappo di stoffa pregiata con cui veniva premiato il vincitore della corsa dei cavalli nell’antica roma.

Il 13 agosto era invece onorata la dea Diana, patrona del legno, delle fasi di luna e della maternità. Nel tempio dedicato alla dea sull’Aventino e nei boschi fuori città veniva organizzata una cerimonia religiosa che costituiva uno dei rari eventi in cui i romani di ogni classe sociale potevano riunirsi e mescolarsi liberamente.

Diana non era la sola dea venerata durante le Feriae, infatti venivano organizzate cerimonie religiose anche in onore di Vertumnio, dio delle stagioni e della maturazione dei raccolti, Conso, Opi, Giano, Venere. Agosto era insomma il mese in cui si festeggiava la fertilità e la maternità. Come per molte altre feste romane, tali celebrazioni erano di origine orientale. Le festività di agosto in particolare derivavano da quelle in onore di Atagartis, dea madre sira, patrona della fertilità e del lavoro nei campi.

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->