giovedì, Maggio 6

FBI: cos'è l'Operation Cross Country? field_506ffb1d3dbe2

0

Operation Cross Country, un’azione nazionale delle forze dell’ordine, della scorsa settimana, e concentratosi sulle vittime minorenni della prostituzione, si è concluso con il recupero di 149 bambini sfruttati sessualmente e l’arresto di più di 150 pedofili e sfruttatori.

L’FBI, in collaborazione con le forze dell’ordine locali, statali e federali e il National Center for Missing & Exploited Children (NCMEC), ha condotto la nona azione dell’anno , la più grande del genere fino ad oggi, come parte del progetto Innocence Lost National Iniziative. Dalla sua creazione, nel 2003, il programma di Innocence Lost ha portato alla identificazione e recupero di circa 4.800 bambini sfruttati sessualmente. E i pubblici ministeri hanno ottenuto più di 2.000 arresti per pedofilia e altri reati associati, in cui almeno 15 casi che hanno portato all’ergastolo.

Nel video un ufficiale del Virginia Police Department of Alessandria controlla una operazione sotto copertura in una stanza d’albergo per l’Operation Cross Country. Misure di esecuzione nell’arco dell’anno, coordinate attraverso il 73 distretto federale del Task Force contro lo sfruttamento -che includono federali, statali e locali di polizia agenzie dell’FBIsono state condotte a livello nazionale in 135 città. Più di 500 funzionari di polizia hanno partecipato a operazioni sotto copertura in alberghi, casinò, camion per fermare la tratta, e anche altre zone frequentate da pedofili, prostitute e loro clienti. La più giovane vittima recuperata aveva 12 anni. Durante l’Operation Cross Country, circa 100 specialisti nelle tratte sono stati coordinati dall’Office del FBI per l’assistenza alle vittime  e sono stati forniti servizi direttamente alle giovani vittime recuperate da tale tratta.

(tratto dal canale ‘Youtube’ dell”FBI’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->