lunedì, Settembre 27

Farc e le donne: dalle gravidanze interrotte al baby boom

0

Il primo accordo di pace fra il governo della Colombia e le Farc non ha dato buoni frutti. Ma il solo fatto di aver deciso di interrompere la ‘guerra’ ha scatenato il baby boom tra i guerriglieri. A dirlo la ‘BBC‘, secondo cui sono almeno 80 le donne che fanno parte del gruppo ad essere incinta in questo momento. E il numero potrebbe crescere nelle prossime settimane. E Pablo Catatubro, componente delle Farc, ammette: «E’ il boom della pace, il boom dell’amore».

Parole queste che stridono con quanto successo in passato all’interno delle Farc: le donne guerrigliere infatti erano in molti casi costrette ad abortire, come hanno raccontato diverse ex componenti, ma in generale dovevano subire una rigorosa politica di controllo delle nascite. Diversi i casi in cui le donne erano costrette, in caso di gravidanza, ad abbandonare il gruppo. Diverse invece, pur di rimanere all’interno del gruppo, erano costrette ad abortire. Al momento i dati parlano del 36% delle Farc composto da donne, con almeno 66 bambini. E proprio gli ultimi accordi parlano di misure proprio per garantire alle donne il diritto alla maternità.

E si cerca di accelerare il processo di pace fra Colombia e Farc. Il Vaticano fa sapere infatti che è allo studio un viaggio di Papa Francesco nel Paese: «La sua realizzazione perché ormai l’accordo di pace è una realtà» confermano le fonti vaticane, secondo cui il periodo potrebbe essere dopo l’estate, tra settembre e ottobre.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->