lunedì, Giugno 27

False recensioni: un trend in aumento anno dopo anno Le false recensioni sono un grande problema del mondo online attuale e prima di fare un qualsiasi tipo di acquisto è importante informarsi

0

Le recensioni false non sono sempre facili da riconoscere, ma rappresentano un crescente problema importante per i siti web, in quando i clienti si basano molto su di esse per completare un acquisto e scegliere un prodotto rispetto a un altro. Nel 2020, le false recensioni che sono state rimosse dal web sono state più di 2 milioni, secondo HDBlog, un trend che si è confermato in salita nel 2021 e nel 2022.

Ma cosa sono le recensioni false? Come possono essere individuate? Approfondiamo meglio questa problematica sempre più presente al giorno d’oggi, in quanto cresce la quantità di persone che fa acquisti online.

Cosa sono le recensioni false?

Le recensioni false sono delle dichiarazioni non veritiere che alcune persone fanno su un prodotto o servizio, per rovinare l’immagine di quest’ultimo, con lo scopo finale di arrecare danno al venditore. Le fake review sono una violazione dei termini di servizio dei siti di recensioni, che permettono l’inserimento di un commento riguardo a un prodotto o servizio. Questo significa che diffondere delle false informazioni, al fine di manipolare la reputazione di un marchio, sia per favorire un proprio brand, o danneggiare quello dei concorrenti, può risultare in un’azione legale.

Perché esistono le recensioni false? I motivi principali sono:

per migliorare l’immagine del proprio brand: spesso capita che un nuovo marchio entri nel mercato, ad esempio attraverso la creazione di un nuovo e-commerce o aprendo un account Amazon, dunque si ritrova a dover competere con molti concorrenti. Questi essendo sul mercato da un tempo più lungo hanno già raccolto diverse recensioni da parte dei clienti. Per questo motivo, per il nuovo brand sarà difficile conquistare la fiducia di nuovi potenziali clienti, dunque spesso le persone fanno ricorso all’utilizzo di fake review per aumentare i profitti iniziali;

per danneggiare un concorrente: non a tutti piace giocare secondo le regole, ma preferiscono usufruire di carte false per trarre guadagno. Utilizzare delle false recensioni negative sui prodotti o servizi di un altro marchio farà sì che le persone non si fidino più di lui, pertanto i suoi acquisti diminuiranno e le persone andranno a cercare delle alternative simili dai competitori;

per guadagno personale: un’altra motivazione è collegata al guadagno personale che il singolo cliente può ricevere, ovvero a volte può capitare che quando una lamentela viene fatta tramite recensione, si possa ottenere un rimborso, oppure uno sconto o anche un nuovo prodotto senza alcun tipo di pagamento in più.

Come proteggersi dalle false informazioni su dei prodotti o servizi?

L’unico modo effettivo per proteggersi dalle fake reviews è informarsi. Prima di acquistare un prodotto, soprattutto se si tratta di una spesa di una certa rilevanza, è importante confrontare le diverse opinioni sul web.

Un consiglio è individuare degli influencer o dei siti autorevoli su cui basarsi, ad esempio nel caso della tecnologia sono diversi gli youtuber attraverso cui ci si può formare una propria opinione prima di fare un acquisto. Allo stesso modo, anche in caso di utilizzo di un sito online di cui non si è sicuri, si può far riferimento a delle guide online, ad esempio nel caso del gioco online si può consultare la lista dei casinò scelti da Time2play,così da non commettere nessuno sbaglio.

Come capire se una recensione è falsa?

Per identificare le recensioni false, anche se non è sempre facile, si possono seguire dei piccoli e semplici step, come:

controllare il profilo di chi ha scritto la recensione: a seconda della piattaforma su cui ci si trova e delle informazioni condivise, bisogna sempre tenere in considerazione il nome utente, la provenienza, i suoi social network se sono presenti, data di nascita e immagine profilo. Questi aspetti aiutano a capire se si tratta di una persona reale, oppure di un bot;

prestare attenzione ai dettagli: una recensione vera molto spesso è accompagnata da molti dettagli, sia su quello che è davvero piaciuto all’utente, sia nel caso ci sia qualcosa che non andava con il prodotto. È sempre difficile inventare i dettagli, quindi molto spesso quando si racconta il falso si tende a generalizzare;

controllare le recensioni degli acquisti verificati: per contrastare queste false informazioni, è stata inserita la possibilità di confermare quando una recensione è stata scritta da qualcuno che ha effettivamente acquistato il prodotto o no. Ad esempio su Amazon, compare un’icona vicino all’utente, che attesta il fatto che la persona ha acquistato il prodotto e non ha ricevuto alcuno sconto particolare.

Chi scrive le recensioni false?

Queste informazioni false diffuse sul web spesso vengono create a mano da delle persone, oppure possono essere generate da dei programmi. Nel primo caso, al giorno d’oggi molte agenzie hanno iniziato a offrire pacchetti di scrittura di false recensioni, pertanto le aziende acquistano questi servizi in cambio di un pagamento monetario.

In altri casi, invece, sono stati sviluppati dei programmi che attraverso l’inserimento del nome del prodotto, la tipologia e altre semplici informazioni base da seguire, generano da soli un testo di senso compiuto. Tuttavia, quando le fake review vengono scritte in questo modo è molto più facile scovarle e non essere manipolati da ciò che viene scritto.

In conclusione, le false recensioni sono un grande problema del mondo online attuale e prima di fare un qualsiasi tipo di acquisto è importante informarsi. Tuttavia, nel caso in cui ci si trovasse davanti e si individuassero delle false informazioni ognuno di noi ha il potere di segnalarle, in modo tale che non arrechino danno a un altro acquirente. Se si ritiene che una recensione positiva, ad esempio, ci abbia danneggiato perché l’effettivo prodotto ricevuto non rispettava le promesse segnalate, è bene ricordare che ogni cliente ha fondamentali diritti di tutela cui può avvalersi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->