martedì, Aprile 13

Facebook – Youtube, lotta di video a 360 gradi field_506ffb1d3dbe2

0

Dopo i film in 3D, il mondo del tridimensionale arriva anche nei pc, tablet e smartphone di tutti. E’ partita infatti la sfida tra Youtube e Facebook sui primi video a 360 gradi. Per il colosso dei social inventato da Zuckerberg, l’operazione è partita lo scorso anno con l’acquisto di Oculus VR, la startup californiana creatrice di Oculus Rift. Da lì lo sviluppo di una tecnologia che facesse concorrenza al colosso dei video, Youtube. E dal 23 settembre scorso ecco la prima sfida lanciata, con la pubblicazione del primo video in cui è possibile guardare in ogni angolazione. E la scelta non è stata a caso, visto che la prima realtà ad essere ‘visitabile’ è quella del gioiello della LucasFilm, Star Wars, che a natale uscirà con il suo nuovo capitolo. Il video riprende un volo radente vicino all’incrociatore Star Destroyer precipitato, visibile nel trailer de ‘Il risveglio della forza’, che già tanta attesa sta creando soprattutto fra gli appassionati della saga.

Youtube ovviamente non è stata a guardare e già i primi esperimenti effettuati hanno dato risultati positivi. A sperimentare la nuova tecnologia soprattutto il mondo della musica. E tra i primi a sfruttarla c’è anche un cantante italiano. E’ di due giorni fa infatti il debutto del video del singolo ‘Compro Horror’ di Caparezza, che usa il video a 360°. Un esperimento divertente e interessante, che apre nuovi sviluppi nel campo dei video, anche amatoriali. Si parla infatti già di nuovi dispositivi, in particolare smartphone, capaci di effettuare riprese in tal senso. Tecnologie dunque che stanno stravolgendo il modo di fare riprese, basti pensare ora all’uso dei droni per le immagini aeree e in movimento. C’è da chiedersi: cambierà anche il modo di fare informazione? Anche se notizie a 360 gradi dovrebbero essere già la norma…

(servizio tratto da USA TODAY)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->