mercoledì, Luglio 28

F-35: angelo o demone field_506ffbaa4a8d4

0
1 2 3


Considerati i recenti fatti di Parigi e l’allarme stagnante del prossimo attacco in Europa, parlare di armamenti e militare sembra scontato. I bombardieri francesi, russi, e americani sorvolano la Siria con lucida spietatezza; e l’Italia?

L’Italia vive ancora nell’ambigua disquisizione sul progetto F-35, chi li demonizza, chi li adduce a nuova tecnologia indispensabile. Qualche audace analista si è gettato nel disperato tentativo di spiegare le criticità e i pregi di questa macchina complicatissima. Cerchiamo di comprendere come stanno davvero le cose con Franco Iacch, il primo italiano ad aver testato il software dell’F-35 nello scorso maggio in Turchia nel simulatore Lockheed per 25 minuti.

 

Per prima cosa cerchiamo di capire che cosa sono gli F-35. A che tipologia di “aereo” corrisponde e a cosa serve?

L’F-35 è un caccia tattico, progettato per eccellere in contesti che enfatizzano il Beyond Visual Range (BVR, ‘oltre il raggio visivo’), in ambienti ad alta intensità di informazioni connesse in rete. L’F-35 è stato progettato per penetrare lo spazio aereo nemico impunemente. Un vantaggio notevole che altri velivoli non possiedono, ma non è stato pensato per essere manovrabile, non è stato progettato per esserlo.

E’ un velivolo multi-ruolo incredibilmente completo e potente con capacità uniche nella guerra elettronica, ma non è un caccio puro, non è un dog-fighter, non è stato progettato per la superiorità aerea. Non è mai stato pensato per esserlo. Solo per fare un esempio: per imporre la supremazia aerea in un determinato contesto con X avversari, ci vorrebbero otto F-35. Per eliminare gli stessi nemici, basterebbero due F-22. L’F-35, quindi, non è stato progettato per il dog-fighting, né per duellare nell’uno contro uno. E’ stato pensato per eliminare il nemico a distanza.

Il progetto F35 è davvero così costoso ed inutile? 

Il successo degli aerei da combattimento a volte trascende dal loro reale progetto. Progettisti (e politici), infatti, raramente riescono ad ipotizzare le richieste operative della guerra che verrà o di cosa avrà bisogno nel 2040 un caccia in battaglia. Ecco perché, in tempo di “pace”, immaginare una piattaforma del futuro è compito assai ostico. Un errore comune è quello di valutare l’F-35 (parliamo sempre di quello che volerà per gli USA) come una singola piattaforma. L’F-35 americano, invece, è stato progettato per chiudere il cerchio iniziato con il Raptor. Lo JSF (‘Joint strike fighter’), infatti, andrebbe visto in un ampio sistema formato da F-22, B-2 (e futuri bombardieri), le classi Zumwalt e numerose altre piattaforme da combattimento. L’F-35 Lightning II europeo, invece, volerà con i Typhoon ed i Rafale, per i prossimi 50 anni.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->