lunedì, Settembre 27

Expo, tutto quello che è stato Si chiude il sipario. Ecco la guida per ricordarsi tutto

0
1 2


Ecco qui tutti i pezzi di L’Indro su EXPO 2015

Expo 2015: Paese che vai, Expo che trovi

Lituania, un Paese fondato sul cibo

Il ruggito della Malesia

Bahrain, a tavola nel deserto

Rispettare l’ambiente, così cresce il Kazakistan

Uruguay, tre milioni di persone che ne sfamano trenta

Brasile, tutte le vite della canna da zucchero

Svizzera, tratta il prossimo tuo…

Palestina, l’agricoltura per rinascere

Corea del Sud, condividere tradizione e tecnologia

Tutti i piatti indigesti di Expo Milano 2015

Thailandia, leader asiatico o mondiale?

Colombia: tanti climi, tante ricchezze

Iran, dopo il nucleare un piano per l’agricoltura

El Salvador, il riscatto in una tazzina di caffè

Austria, fate un bel respiro

Repubblica Ceca, nel cuore dell’Europa

Oman, parola d’ordine investire

L’Angola si carica l’Africa sulle spalle

Irlanda, come ti controllo l’agroalimentare

Il biologico è il futuro della viticoltura?

Le ombre dell’Expo

La lotta per il Pisco all’Expo 2015

Expo: più valore al made in Italy

Il dovere dell’EXPO di garantire il diritto al cibo

Expo 2015: alla ricerca dell’informazione perduta

Che Milano vogliamo dopo l’Expo?

L’ Expo ha perso l’anima

L’Expo delle nebbie

Una Milano matura per l’Expo

Perché l’Australia non va all’Expo

Expo 2015: occasione o speculazione?

I dubbi dell’Expo

Expo: un messaggio che viene da lontano e andrà lontano

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->