martedì, Maggio 11

Exceptional Minds, la scuola dei giovani artisti autistici

0

La scuola ‘Exceptional Minds, situata in un edificio vicino agli studios di Hollywood, vede al lavoro giovani artisti affetti dal disturbo dello spettro autistico. Questi ragazzi stanno avendo molte occasioni per mettere alla prova il proprio talento: da ‘Ant-Man’ e ‘Avengers‘ a ‘The Hunger Games‘ e ‘L’alba del pianeta delle scimmie‘; dal film di ‘SpongeBob‘ a quello di ‘Alvin and the Chipmunks‘. Sul piccolo schermo, invece, hanno potuto collaborare a importanti progetti come quello che riguarda la serie televisiva di successo ‘Game of Thrones‘, nella quale hanno prodotto ogni fiocco di neve che vediamo sciogliere sui volti degli attori.
La scuola provvede a formare gli studenti e a garantire ottime prospettive lavorative a giovani adulti autistici. «La cosa che preferisco è imparare tutti i nuovi programmi per computer. Mi piacciono queste cose», dice Fazio, uno studente. Ma come è nata la scuola?

Noah Schneider, a cui è stato diagnosticato il disturbo autistico all’età di 3 anni, come per molti altri autistici, dopo il liceo, ha pochissime prospettive di lavoro: poche probabilità di trovare lavoro e alte probabilità di isolamento sociale. Avrebbe trovato un lavoro ben al di sotto del suo livello di abilità e avrebbe sofferto un crescente senso di depressione, come molti altri giovani nelle sue stesse condizioni. Tutto cambia quando Noah, ancora al liceo, segue il suggerimento di un amico di iscriversi ad un programma di arti digitali.

«Entro un mese, Noah imparò la codifica di animazione, iniziò a parlare e vinse premi per il suo lavoro», ha dichiarato Yudi Bennett, la madre.
Così, ispirata da questo successo, Bennett ha riunito amici, collaboratori e risorse eccellenti, e ha creato un centro no-profit di arti digitali, per garantire lavoro e formazione a giovani adulti affetti autismo. Nasce, così, ‘Exceptional Minds’.

(Video tratto dal canale Youtube: NBC News)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->