venerdì, Luglio 30

Eugenio Finardi: il viaggio di un extraterrestre Il cantautore lombardo e la sua meravigliosa carriera nel mondo della musica

0
1 2


«C’era un tipo che viveva in un abbaino, per avere il cielo sempre vicino, voleva passare sulla vita come un aeroplano… Extraterrestre portami via voglio una stella che sia tutta mia, extraterrestre vienimi a cercare voglio un pianeta su cui ricominciare». Sono passati circa quarant’anni da questo successo di Eugenio Finardi e quel giovane rocker ha seguito un percorso musicale articolato e complesso. Di padre bergamasco e madre americana, nasce con la musica nel sangue perché il primo, era un tecnico del suono, la seconda una cantante lirica. Già in tenera età incide un 45 giri per bambini e partecipa a due raccolte di brani ma la sua vita cambia durante una vacanza dalla nonna, negli USA. Siamo nel ’65 e la Tv americana trasmette uno show dei Rolling Stones; il giovane Eugenio resta folgorato e si appassiona al rock e al blues, tanto che quando torna in Italia vuole gli si compri una chitarra elettrica. Ben presto forma un gruppo con Alberto Camerini e Fabio Treves, la Corso Sempione Blues e con questi gira il Nord facendo esperienza. Riferita a quei tempi, è importante la partecipazione al famoso Festival di Re Nudo oltre alle collaborazioni con gli Stormy Six e persino con i Pooh, in veste di tecnico. In quel periodo scriveva canzoni in inglese ma una prima importante svolta avviene nell’estate del ’74. Finardi, si trova vicino a Palermo in una comune per musicisti e in quell’ambito matura la decisione di politicizzare i propri testi, scrivendoli in italiano.

Ingaggiato dalla storica etichetta Cramps, pubblica il primo album, ‘Non Gettate Alcun Oggetto Dai Finestrini’, titolo che vuole parafrasare la famosa targhetta dei treni; questo LP contiene una versione moderna, rabbiosa e rockettara di un celebre canto di protesta delle mondine, ‘Saluteremo Il Signor Padrone’. L’anno seguente, Finardi apre alcuni concerti del primo tour di Fabrizio De Andrè e questa esperienza, servirà a sviluppare la consapevolezza in Eugenio riguardo l’importanza dei testi. Esce quindi l’album ‘Sugo‘, quello che contiene ‘Musica Ribelle‘: «E’ la musica, è la musica ribelle che ti vibra nelle ossa, che ti entra nella pelle che ti dice di uscire, che ti urla di cambiare, di mollare le menate e di metterti a lottare». Si rivolge agli adolescenti Finardi, proponendosi come loro portavoce ma i tempi non sono forse del tutto maturi e le istanze giovanili, verranno, di lì a qualche anno, recepite, inglobate e fagocitate da Vasco Rossi. Questo brano tuttavia accresce la popolarità di Finardi, popolarità che lieviterà parecchio con una canzone che a lungo sarà una sorta di jingle per le numerose radio private spuntate come funghi, ‘La Radio‘:  «Amo la radio perché arriva dalla gente entra nelle case e ci parla direttamente, se una radio è libera ma libera veramente, piace anche di più perché libera la mente». La fase rock e più istintiva di Eugenio Finardi, si completa con la succitata ‘Extraterrestre‘ contenuta nell’album ‘Blitz‘ brano che diventerà la sua canzone simbolo per antonomasia. Prende una posizione netta riguardo la punibilità sull’uso delle droghe leggere con la famosa, reggaeggiante ‘Legalizzatela‘: «Non si può mettere sullo stesso piano chi si buca o si fa uno spino con chi spaccia quintali di eroina per minare una generazione, non meritano la stessa condanna né la stessa assoluzione. Legalizzatela…».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->