mercoledì, Maggio 12

#Europee2019: Regno Unito, voto europeo o referendum Brexit? Il neonato Brexit Party di Nigel Farage vola nei sondaggi (33%) e si unirà ai 5 Stelle

0

Strano caso quello del Regno Unito che oggi ha aperto il turno elettorale europeo, nonostante fino a poco tempo fa – ironia della sorte –fosse dato per certo il suo addio all’UE: la Brexit, però, si è impelagata nel Parliament britannico tra metodo ‘hard’ e ‘soft’, un ‘deal’ e un ‘no deal’. Pertanto, il Regno Unito è ancora uno Stato membro dell’UE e, con i suoi 47 milioni di elettori, spartecipa alle elezioni per il rinnovo del Parlamento, al cui interno godrà di 73 seggi finché luscita non avrà prodotto i suoi effetti giuridici.

A contendersi la scena elettorale britannica saranno il partito dell’euroscettico per eccellenza, Nigel Farage, che altro nome non poteva avere che Brexit Party, il quale confluirà, insieme al Movimento 5 Stelle nostrano, all’interno del neonato eurogruppo M5S+Brexit, che raccoglierà l’eredità dell’Europe of Freedom and Direct Democracy (EFDD); il Conservative and Unionist Party che rientra nella galassia del Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei (ECR); il Labour Party legato al Gruppo dei Socialisti e Democratici (S&D); i Liberal Democrats che dato il nome non possono che essere legati ad ALDE + En Marche, il Gruppo dei Democratici e dei Liberali per lEuropa, il cui azionista di maggioranza è il partito del Presidente francese Emmanuel Macron; il Green Party of England and Wales affiliato al Gruppo Verdi/EFA.

Data la situazione di stagnazione politica che pervade la politica nei pressi di Westminster è lapalissiano dire che la campagna elettorale si è concentrata esclusivamente sulla Brexit ed il voto delle elezioni europee sarà sostanzialmente questo: un referendum sulla prassi da adottare per lagognata e criticata uscita dallUnione Europea che potrebbe portare alle dimissioni dell’attuale premier britannico, Theresa May, rea di aver tergiversato troppo.

Fondato appena all’inizio di aprile, il Brexit Party di Farage è subito schizzato in vetta ai sondaggi, attestandosi intorno al 33%, risucchiando voti ai conservatori il cui gradimento è passato dal 30% di gennaio ad appena l11%. Calo che hanno fatto registrare anche i laburisti, passati dal 34 al 19%. A crescere nei sondaggi, invece, sono stati i liberal-democratici, ora al 16%, e i Verdi con il 9%.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->