giovedì, Agosto 11

Etiopia: i punti deboli della spiegazione etnica L’analisi di Serge Dewel, Institut national des langues et civilisations orientales (Inalco)

0

I combattimenti in corso in Etiopia hanno spinto il rischio di implosione del Paese a un livello molto alto.

Questa guerra è iniziata nel novembre 2020 nel Tigray (ትግራይ [Tǝgray]), una provincia nel nord del paese dove vivono circa 7 milioni di tigrini, ovvero circa il 6% della popolazione totale. C’è anche un altro conflitto, nel sud, principalmente nelle regioni dove vivono gli Oromo (35 milioni di persone e il 30% della popolazione etiope). Questi sono solitamente presentati come un gruppo ‘etnico’. Tuttavia, la loro unità (sociale, culturale, linguistica e politica) è lungi dall’essere una realtà.

L’Esercito di Liberazione Oromo (OLA), una ribellione armata contro il regime in atto ad Addis Abeba, che è ben lungi dal rappresentare l’intero Oromo, ha stretto – con altri movimenti dissidenti – un’alleanza con il Fronte di Liberazione del popolo del Tigray (TPLF). In gestazione da agosto, questa alleanza si è materializzata il 5 novembre, riunendo il TPLF, l’OLA e altri sette movimenti dissidenti minori. Questa alleanza ora spera di prendere la capitale, ma ora sembra bloccata o, almeno, trattenuta dall’esercito federale.

Le motivazioni e le percezioni dei Tigrini e degli Oromo – al di là della loro richiesta di una maggiore o totale autonomia regionale – divergono nella sostanza: i Tigrini, che si dichiarano discendenti dei primi Etiopi, sono da secoli protagonisti del romanzo nazionale mentre i Gli Oromo, che erano solo i pezzi riportati, si dichiarano vittime di uno sfruttamento organizzato dal “sistema feudale” instaurato dagli etiopi del nord nel XIX secolo. La storia li separa, ma anche il ricordo della loro storia.

Il romanzo nazionale

Il romanzo nazionale etiope è radicato in uno spazio particolare – Aksum, nel Tigray, nel nord dell’Etiopia (Mappa 1), tanto quanto nell’evento epocale della conversione reale al cristianesimo (c. 325). Il Regno di Aksum, che fiorì negli altopiani dell’attuale Etiopia settentrionale ed Eritrea dal I al VII secolo dC, assume pienamente il ruolo di matrice culturale dell’Etiopia; un ruolo che si è sviluppato nel lungo periodo.

Lo Stato delle Isole Salomone dell’Etiopia (1270-1974) è stato costruito su questo duplice riferimento religioso e topografico. Già nella prima metà del XIV secolo era stata stabilita la connessione con l’antica Aksum, così come l’ascendenza biblica dei re etiopi, che il mito nazionale – il Kebrä Nägäst (“Nobiltà dei re”) – affermava invocando il episodio della visita della regina di Saba al re Salomone.

Il figlio risultante da questo breve incontro sarebbe stato il primo re (negus) d’Etiopia. In questa occasione, l’Arca dell’Alleanza sarebbe stata trasferita da Israele ad Axum. Così, il mito etiope di Kebrä Nägäst sancisce una doppia sacralità: quella del sovrano – discendente del re biblico Salomone – e quella del popolo etiope divenuto popolo eletto perché depositario dell’Arca dell’Alleanza.

Inoltre, il ge’ez, la lingua volgare (semita) del regno di Aksum, è stata mantenuta nel ruolo di lingua scritta e culturale fino all’inizio del XX secolo, e in quello di lingua liturgica fino ai giorni nostri. .

L’uso di Aksum come epicentro dell'”Etiopia” risale a molto tempo fa. Nel XIV secolo, l’inizio del regno del re dei re Amdä-Tseyon (1314-1344) fu segnato da una crisi politica che opponeva il nord del paese ai re di Amhara che avevano fondato la dinastia salomonica nel 1270 (inizialmente , il nome Amahara si riferiva a una regione dell’Etiopia, prima dei suoi abitanti). Fu in questa cornice che furono compilati i testi che avrebbero formato il Kebrä Nägäst, in Tigray. Il suo obiettivo era chiaramente quello di giustificare le pretese dei Tigrini di governare l’Etiopia attraverso la loro connessione con Axum. Dopo che questa rivolta fu sedata, il mito nazionale fu ripreso dai governanti di Amhara che lo dirottarono per il proprio uso.

Dal XV secolo, i re dei re d’Etiopia scelsero di essere incoronati ad Axum. Il riferimento ad Aksum diventa ricorrente dalla fine del XIX secolo, e sistematico nel XX secolo, in particolare attraverso la rappresentazione delle stele di Aksum.

Nel XX secolo, questo riferimento è servito per affermare la legittimità del sovrano o per giustificare l’attaccamento dell’Eritrea all’Etiopia dopo la seconda guerra mondiale: l’argomento era che l’ex regno di Aksum si estendeva sui due paesi.

Questo patrimonio è stato condiviso da gran parte degli abitanti dell’Etiopia fino al XIX secolo. Il paese era quindi confinato agli altopiani settentrionali, dall’Eritrea all’Ansa del Nilo Azzurro e più a sud-est.

A parte gli Oromo stanziati ai margini meridionali e orientali dal XVII/XVIII secolo, questa Etiopia “storica” era popolata principalmente dagli Amhara a sud e dai Tigrini a nord.

Tuttavia, le conquiste effettuate nell’ultimo terzo del XIX secolo da Menilek – re di Shoa fino al 1889, poi re dei re (imperatore) d’Etiopia fino alla sua morte nel 1913 – ampliarono notevolmente lo spazio etiope. Comprendeva ormai molte popolazioni che non condividevano questo patrimonio culturale e storico, che era loro imposto; tra questi i Wälayta, i Sidamo e gran parte degli Oromo.

Lo sfruttamento delle terre del sud, dalla loro conquista, da parte dell’aristocrazia del nord in particolare Amhara, così come la politica accentratrice e di amharizzazione condotta dall’ultimo re dei re, Haylé Selassié (regno 1916-1974), creò un disputa culturale che i regimi successivi (imperiale fino al 1974, militare-marxista dal 1974 al 1991) hanno impedito di esprimersi.

Il racconto di questa grande epopea etiope, forgiata nei cenacoli del potere – che si tratti della Cronaca di Menilek o delle opere storiografiche di intellettuali del Novecento – ha minimizzato fino alla negazione l’impatto sociale di queste conquiste, ma soprattutto giustificato loro da un ritorno alle terre che un tempo sarebbero vissute sotto il potere dei re d’Etiopia.

Questa tesi si basa sulle conquiste condotte dagli Amhara nei secoli XIV e XV. Tuttavia, non hanno mai raggiunto una tale grandezza. In direzione sud, solo il corridoio meridionale della Rift Valley con gli altopiani che la delimitano era stato attraversato da eserciti cristiani nel XV secolo. Erano state fondate parrocchie, ma molte erano state rovinate e dimenticate per diversi secoli.

Ricordi e rappresentazioni

Questa epopea nazionale dell’ultimo terzo del XIX secolo aveva amareggiato due popoli etiopi: i Tigrini, che si consideravano legittimi nell’esercizio del potere imperiale che era stato loro tolto dagli Amhara di Choa, e molti Oromo che si trovarono occupato. e gestito.

Il regime marxista di Därg du Därg (“Comitato”, 1974-1991) aveva applicato un centralismo altrettanto severo di quello del governo imperiale cui era succeduto con la forza. Nonostante un ruolo folcloristico attribuito alle “nazionalità” etiopi, l’equazione “Etiope = Amharizzazione” rimase un importante dogma politico.

Tuttavia, una grande ribellione antigovernativa fu organizzata nelle varie province etiopi e assunse rapidamente un colore comunitario: Fronte di liberazione del popolo eritreo, Fronte di liberazione dell’Oromo, Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF), Fronte di liberazione della Somalia occidentale, ecc. Nel 1989, sotto l’egida del TPLF, queste fazioni ribelli fondarono un’alleanza nazionale, il Fronte democratico rivoluzionario del popolo etiope (EPRDF), che vinse il Därg nel 1991.

Questa coalizione di partiti, divenuta un partito-stato sotto la guida dei tigrini del TPLF, è rimasta al potere ad Addis Abeba fino al 2019, quando è stata sostituita dall’unico Partito del Progresso, fondato dal Primo Ministro Abiy Ahmed e che il I tigrini si sono rifiutati di aderire.

La principale rivoluzione attuata dall’EPRDF è stata l’adozione di una nuova Costituzione nel 1994 (promulgata nel 1995). Come l’alleanza dal tono comunitario che era all’origine, questa prevedeva la suddivisione dell’Etiopia in regioni-stato secondo criteri linguistici.

Senza entrare nei tanti problemi sollevati da questa nuova divisione nazionale – primo fra tutti la mancanza di completa congruenza tra lingua e territorio, fonte di tensioni regionali – è stata poi introdotta in Etiopia una nuova nozione, quella di appartenenza “etnica”.

Questo accadeva un quarto di secolo fa e oggi chi ha meno di 30 anni (oltre il 60% della popolazione del Paese) ha integrato questo nuovo segno identitario. Va ricordato che all’inizio degli anni ’90, quando è stato istituito il sistema federale, la prima appartenenza di un etiope era religiosa, anche se esistevano matrimoni interreligiosi (è il caso dei genitori del primo ministro Abiy Ahmed). La denominazione maggioritaria è rappresentata dalla Chiesa miafisita (täwahedo) dell’Etiopia (45%), seguita dall’Islam sunnita (35%) e dall’evangelicalismo (25%). Una minoranza cattolica risultante dall’azione missionaria rappresenta meno dell’1%. Il panorama religioso etiope non sembrerebbe completo senza citare i seguaci dei riti tradizionali, rappresentati per lo più nel sud-ovest e in declino.

Va inoltre ricordato che per essere un Amhara è più appropriato parlare la lingua amarica, unirsi alla Chiesa etiope Täwahedo e mangiare injera (frittella), che nascere da un padre Amhara. Ciò è tanto più vero in quanto milioni di etiopi hanno padri e madri di culture diverse. Anche la mancanza di cognomi in Etiopia, ma anche il fallimento di una donna nell’adottare il cognome del marito, ha contribuito a facilitare l’appartenenza alla comunità.

Tuttavia, la federalizzazione dell’Etiopia si è rivelata una via aperta per le sfide sotto le spoglie dell’identità. Les conflits qu’a connus l’Éthiopie au cours de la décennie passée, facilement qualifiés d’ethniques, avaient des causes plus profondes, liées au foncier et à l’économie, mais revêtaient une forme communautariste, comme c’est encore le cas adesso.

Il distretto federale di Addis Abeba ha subito un’espansione che non si sospettava all’epoca della divisione etnolinguistica, ed è oggi angusto nello spazio assegnato e morde ampiamente sul periurbano in zona Oromo. . Tuttavia, la città di Addis Abeba è una fondazione imperiale alla fine del XIX secolo, associata alle conquiste guidate da Menilek, anche se i principali generali di quest’ultimo erano Oromo.

Inoltre, la città-regione-stato, capitale nazionale, dove l’amarico è la lingua più parlata, è interamente corsettata nella regione dell’Oromo, e ogni estensione è ora intesa dagli Oromo come una nuova aggressione dell’imperialismo d’altri tempi. I problemi fondiari causati dalla sua espansione risvegliano così la memoria delle campagne militari degli Amhara, e l’opposizione rurale/urbana si trasforma in antagonismo identitario attraverso la strumentalizzazione di una storia riscritta da entrambe le parti. Tuttavia, la vera natura dell’antagonismo (terrestre, economico) tende ad essere dimenticata, dai suoi stessi attori, solo per ricordare la cosiddetta differenza socio-culturale e linguistica “etnica”.

Tornando al Tigray, il rapporto con la storia deve essere visto lì in modo diverso, anche se è anche un antagonismo nei confronti degli Amhara. Anche in questo caso, la spiegazione “etnica” – quella comunemente usata quando nasce un conflitto in Africa – è un approccio semplicistico alla situazione.

Ci sono certamente tensioni comunitarie, ma l’appartenenza alla comunità da sola non spiega queste tensioni. I Tigrini sono divisi tra Etiopia (7 milioni, 6%) ed Eritrea (3 milioni 80%); la prima lingua in Eritrea è il tigrino, e il capo di stato eritreo è lui stesso il tigrino. Ciò non ha impedito ai tigrini dei due paesi di scontrarsi durante conflitti violenti e mortali (1998-2000 e 2021).

Le regioni che formano l’Eritrea, sotto il controllo parziale dell’Impero ottomano dal XVI secolo, per breve tempo dagli egiziani e dagli inglesi nel XIX secolo, si presentano principalmente come una costruzione coloniale italiana, fondata nel 1890. Da allora, il paese ha vissuto sotto la legge italiana fino al 1941, sotto l’occupazione britannica fino al 1952 e sotto vari regimi etiopi fino al 1991.

Quando un tigrino dell’Eritrea incontra un tigrino dell’Etiopia, vede prima un etiope; i loro sistemi di rappresentazione si sono evoluti separatamente lungo due diversi percorsi politico-culturali.

Dai la colpa a Menilek, secondo i Tigrini. Imperatore Amhara (ma anche con un po’ di sangue Oromo), stroncò clamorosamente le pretese coloniali italiane, ad Adua nel 1896. Salvò quindi l’Etiopia dalla colonizzazione, ma lasciando parte del Tigray all’Italia, che ne fece gran parte della sua colonia eritrea. Per lo meno, questo è il modo in cui viene giudicato il sovrano nel Tigray.

La realtà è più complessa: certo, dividere un avversario per schiavizzarlo meglio avrebbe potuto entrare nella strategia del re dei re cedendo parte del Tigray agli italiani. Soprattutto l’esercito era allo stremo delle sue risorse, e le regioni impoverite dalle punture degli eserciti e dal susseguirsi di carestie ed epidemie che imperversavano da diversi anni. È quindi probabile che la scelta di Menilek sia stata principalmente strategica.

Menilek non godeva comunque dei favori dei Tigrini. Nel 1889, cercando di fuggire dal Tigray, fu incoronato nella sua capitale provvisoria di Entotto (Addis Abeba) al posto di Aksum. Le successive incoronazioni (Zäwditu nel 1917 e Haylä-Sellasé nel 1930) furono organizzate anche ad Addis Abeba. In questa occasione, l’immagine di Aksum fu portata nel luogo di residenza dei sovrani.

Il rogo commemorativo rappresentato da Aksum appare molto bene nelle manovre volte ad ottenere dall’Italia la restituzione nel 2005 della stele portata un tempo a Roma per ordine di Mussolini.

L’aver vinto questa lunga battaglia diplomatica, così come il valore tecnico rappresentato dal trasporto aereo dei tre elementi della stele e dalla ri-erezione nel 2008 nel suo sito originale, hanno beneficiato enormemente l’EPRDF e, in particolare, per i Tigrini che lo governarono. Hanno così potuto riaffermare la loro legittimità a governare, attraverso i successi ottenuti, ma anche attraverso il legame culturale bimillenario che li unisce alla matrice etiope che è Aksum in Tigray.

Conflitti politici prima di essere comunità

Le voci dell’indipendenza rimangono l’eccezione in Etiopia, e il nazionalismo etiope, sempre pronto a evidenziare l’unicità del Paese – l’eccezione etiope – rimane molto vivo.

Dall’applicazione della Costituzione federale nel 1995, molti commentatori non hanno mancato di annunciare la “balcanizzazione” dell’Etiopia. Lo stesso discorso è stato fatto durante la guerra etiope-eritrea (1998-2000) e durante i disordini del 2005 e 2015: i seguaci dell'”etnia” come modello esplicativo non sono mai rimasti a corto di parole.

Certo, queste situazioni erano meno preoccupanti dell’attuale conflitto, ma l’adesione della maggioranza degli abitanti all’idea etiope resta un fatto e un fattore da non sottovalutare per ogni prospettiva.

Molto più che comunitaria, la “guerra del Tigray” rappresenta un conflitto politico, una lotta per il potere. Questa è la volontà espressa di un gruppo che rappresenta il 6% della popolazione nazionale di voler guidare i destini dell’intero Paese, in coalizione ovviamente, ma a condizione di guidare questa formazione…

Quanto al primo ministro federale Abiy Ahmed, se è di madre Amhara, appartiene soprattutto a una formazione politica oromo che fa parte dell’EPRDF, l’OPDO, che lo ha portato al potere. Il TPLF non sembra essere stato ostile alla sua nomina, e nemmeno il suo predecessore era un Tigray. La formazione OPDO lo ha sostenuto nelle sue manovre volte a ridurre l’onnipotenza del Tigray all’interno della coalizione EPRDF, oltre a sfidare il modello etnico federale. È proprio la messa in discussione di questa opinione cara al TPLF che è stata all’origine dell’attuale conflitto, che appare quindi di natura politica.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->