domenica, Settembre 19

Ergastolo e dignità

0
1 2


La dignità: il dizionario Treccani ci dice che con dignità va intesa «la condizione di nobiltà morale in cui l’uomo è posto dal suo grado, dalle sue intrinseche qualità, dalla sua stessa natura di uomo, e insieme il rispetto che per tale condizione gli è dovuto e ch’egli deve a se stesso». La dignità, insomma, è un qualcosa che bisogna tutelare, difendere, che si deve avere, pretendere, riconoscere al prossimo. Finita la lezione lessicale, andiamo al concreto, e ci andiamo con l’aiuto del professor Giovanni Maria Flick, Presidente emerito della Corte Costituzionale, che della dignità traccia un elogio in un libro prezioso, ‘Elogio della dignità‘, appunto; volume pubblicato dalla ‘Libreria Editrice Vaticana‘.

Una riflessione ad ampio raggio sulla dignità e i suoi diversi aspetti, quella del professor Flick. Diciotto capitoli di grande attualità: la dignità di fronte al terrorismo, alla violenza e all’intolleranza; la dignità di fronte al negazionismo della Shoah; la dignità di fronte alle degenerazioni dell’economia finanziaria; e poi lo sfruttamento dei più deboli, la corruzione, i problemi drammatici del fine-vita; e le ‘radici’, le tradizioni giudaico-cristiane che sono proprie dell’Europa, ma anche quelle più squisitamente laiche, quelle illuministe, da cui derivano le carte costituzionali e le sovranazionali dichiarazioni sui Diritti Umani. Seguiamolo, il professor Flick, nel suo percorso: la dignità, ci dice, «è un valore preliminare a quelli di libertà, eguaglianza, solidarietà, cittadinanza e giustizia»; non solo: è il «cardine dello Stato democratico costituzionale e del principio personalistico su cui esso si fonda». L’affermazione, il riconoscimento, la tutela della dignità umana in quanto tale da intendere come valore fondante di tutti gli altri.

Ed eccoci a un punto che dovrebbe interessarci: il secolo appena iniziato, osserva Flick, «è certamente quello del diritto alla conoscenza, ma anche degli abusi di essa legati al progresso tecnologico e alle sue applicazioni in tutti i campi: dallo sfruttamento delle risorse naturali agli interventi sulla realtà fisica e psichica della persona, alla elaborazione di tecniche di aggressione e di armi di distruzione di massa».

Ecco dunque che, pur in un contesto di relativismo dei valori, quello della dignità rappresenta un punto di riferimento fondamentale, una sorta di ‘religione civile’, con una triplice dimensione: individuale, relazionale e di gruppo. Vale a dire: no a ogni discriminazione; sì all’accettazione della diversità, al dialogo e al rispetto reciproco, e nessuna esclusione sulla base di differenze fisiche, sessuali, linguistiche, religiose, politiche, economiche, culturali, sociali, razziali; infine diritto alla difesa del proprio territorio, al rispetto dell’ambiente, protezione delle minoranze, del loro patrimonio identitario, culturale, religioso, linguistico.

Dignità messa in pericolo da sempre, e oggi più che mai insidiata; bene da coltivare e salvaguardare, perché «è un diritto e un dovere per tutti, per rivendicare e difendere la nostra umanità».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->