venerdì, Maggio 7

En-Nahda e l'Islam moderato field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Il Mediterraneo è il punto di incontro di culture e religioni diverse ed è il punto di origine delle tre grandi religioni monoteistiche. È una regione di grande pluralità. Tuttavia, adesso il Mediterraneo è più che altro unarea di conflitto” dice Imen, che è intervenuta sulla questione della religione come contributo o ostacolo alla convivenza democratica e sul futuro della democrazia, nel contesto del ‘2° colloquio del Mediterraneo – Religioni, pluralismo, democrazia: le attese dei giovani del Mediterraneo‘.

Con noi, ha parlato anche del ruolo e dei sentimenti dei giovani nella rivoluzione tunisina. Essi sono stati la spinta propulsiva della primavera tunisina, “i giovani hanno sognato la democrazia, il benessere economico, la partecipazione politicaÈ grazie ai giovani se questa rivoluzione ha avuto luogo“. Tuttavia, molti giovani sono rimasti esclusi dalla partecipazione politica e non hanno visto migliorare la loro condizione economica, caratterizzata da un’altissima disoccupazione. La marginalizzazione politica, sociale ed economica ha portato alla radicalizzazione di alcuni elementi. Ecco spiegato l’altissimo numero di foreign fighters tunisini, Imen parla di tremila, ma ci sono stime anche più elevate. “Sono attratti da un messaggio ideologico molto forte, ma sono attratti anche dalle prospettive economiche. Non dimentichiamo che lISIS fa girare molti soldi“.

Imen continua: “Non sarebbe giusto dire che la primavera tunisina ha tradito i sogni di questi giovani. Certamente li ha delusi. Avrebbero voluto vedere un cambiamento economico, un miglioramento immediato della loro condizione allindomani della rivoluzione. Ma le cose non cambiano così in fretta, cè molto lavoro da fare e le priorità del mio partito sono proprio lo sviluppo economico e la sicurezza, due temi interdipendenti“. Prosegue: “In Tunisia si è compiuta la transizione politica, ma la democrazia è molto fragile e non può sopravvivere senza che si compia anche la transizione economica. Questo è quello su cui puntiamo, e per cui chiediamo aiuto allEuropa“.

Imen rappresenta una generazione di giovani musulmani per cui il dialogo interreligioso e interculturale non sono che la realtà quotidiana. Una generazione molto ben istruita, che conosce da vicino i meccanismi dell’integrazione tra sponda nord e sponda sud del Mediterraneo e del confronto con pluralismo e diversità. Rappresenta, inoltre, quell’Islam moderato che offre spazi alla democrazia, inclusa, evidentemente, la partecipazione attiva delle donne alla vita politica. Lascia intravedere le grandi potenzialità dell’esperienza tunisina, anche come ponte tra le due sponde del Mediterraneo, ma non nasconde le difficoltà oggettive di un progetto ancora in divenire, e il pericolo che il sogno della rivoluzione tunisina non si realizzi appieno.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->