giovedì, Ottobre 21

Emmys 2016 e il mercato delle serie tv

0

Un mercato in crescita esponenziale quello delle serie TV che vede il suo apice con la consegna degli Emmys, i premi dedicati a queste forme d’intrattenimento che spesso, come nel caso della puri premiata ‘Grey’s Anatomy‘, accompagnano milioni di adolescenti fino all’età adulta. A dominare lo scorso anno fu la serie tratta dai romanzi fanatasy di George R.R. Martin, ‘Il Trono di Spade‘, distribuita da HBO, mamma di altri sceneggiati di successo come ‘Sex and the city‘ e ‘Band of Brothers‘, trasmessa in Italia dal canale tv Sky Atlantic, che si riconferma tra le nomination di quest’anno. tra i candidati tornano i nomi dell’acclamata sit-com ‘Mordern Family’, dove vengono raccontate le vicende di una famiglia americana allargata e anticonformista, ‘House of Cards‘, la storia del democratico e spregiudicato Frank Underwood, interpretato magistralmente dal premio Oscar Kevin Spacey, l’enigmatica ‘Mr Roboto‘, e per la prima volta la grande serie rivelazione ‘Americans‘, un intenso intreccio di spionaggio basato sulla vita di due spie sovietiche perfettamente integrate sul suolo USA. Un giusto mix di candidati che rappresenta non solo i gusti televisivi americani, ma anche quelli della popolazione mondiale che non rinuncia a qualche ora da trascorre sul divano in compagnia dei protagonisti della serie tv preferita. Un business, in costante ascesa anche in Italia dove Mediaset Premium, Sky e la neo arrivata Netflix concorrono per creare o aggiudicarsi nuovi sceneggiati di successo da offrire ai propri abbonati.

 

(fonte video tratta da canale YouTube ‘CNN Money‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->