giovedì, Dicembre 2

Ema, l’Olanda si dice pronta. Milano non molla Siria, a Ghuta nuovi bombardamenti. Trump: 'Non ho mai detto diamo armi agli insegnanti'

0

Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro ha annunciato che proporrà all’Assemblea Costituente del Paese di realizzare un election-day il prossimo 22 aprile, nelle quali scegliere i membri dell’Assemblea Nazionale (il Parlamento del Paese), dei Consigli legislativi e di quelli comunali. Maduro ha poi avvertito la coalizione di opposizione del Tavolo di Unità Democratica MUD, che ha dichiarato di non presentasi alla prossima tornata elettorale, che «ci saranno le elezioni costi quel che costi, con MUD o senza MUD».

Sono 48 le ragazze nigeriane che sono tornate a scuola dopo che erano state dichiarate scomparse martedì in seguito all’attacco compiuto la sera prima da Boko Haram alla college di Dapchi, nello stato dello Yobe. Secondo i media locali, sono 46 quelle ancora disperse.

Cala l’afflusso di migranti verso la Gran Bretagna. Lo dicono i dati dell’Office for National Statistics (Ons) riguardanti gli ultimi 12 mesi. Marcata soprattutto la riduzione degli arrivi dai Paesi Ue.

Paura nel frattempo a Kensington Palace per una lettera con all’interno polvere bianca, indirizzata congiuntamente al principe Harry e alla sua promessa sposa, l’attrice americana Meghan Markle. La missiva è stata intercettata prima che potesse raggiungere la coppia ma le analisi hanno escluso che potesse essere pericolosa.

Chiudiamo con la Francia, perché a Parigi i giudici del tribunale amministrativo hanno ritenuto che la pedonalizzazione di parte dei Lungosenna è illegale e che bisogna riaprirli al traffico. In particolare, la giustizia rimette in discussione lo studio d’impatto realizzato prima di procedere alla pedonalizzazione, che a loro avviso conteneva «inesattezze, omissioni e insufficienze». Un duro colpo per la sindaca Anne Hidalgo, che puntava molto su questo progetto e che ha presentato subito ricorso.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->