lunedì, Aprile 19

Elezioni Politiche in Italia: per i media mondiali ‘scenario da incubo’ L stampa estera sta dando grande risalto ai risultati delle urne. E il coro sembra unanime

0

Le elezioni in Italia erano uno degli appuntamenti più importanti del 2018. E la stampa estera sta dando grande risalto ai risultati delle urne. E il coro sembra unanime: un Paese bloccato, in preda a movimenti populisti.

Per il ‘Wall Street Journal‘, «il voto in Italia non produce una vittoria chiara» mentre la ‘Frankfurter Algemeine Zeitung‘ titola: «Secondo le previsioni è il Movimento 5 Stelle il partito più forte». Il ‘Guardian‘ parla di ondata populista, il ‘New York Times‘ di estrema destra e populismo. ‘Le Monde‘ dice: «I partiti antieuropei fanno il pieno». Il giornale francese sottolinea poi il fatto che non è emersa alcuna maggioranza chiara. Anche il ‘Times‘ dice che non c’è un vincitore. Lo spagnolo ‘El Pais‘ sottolinea il trionfo 5 Stelle, e il fatto che «le forze radicali avanzano in Italia in uno scenario senza maggioranza chiara».

El Mundo‘ scrive nero su bianco che «il voto di protesta porta l’Italia all’ingovernabilità». ‘Abc‘ parla di «un voto che preoccupa l’Europa», sottolineando come «la somma dei sovranisti o populisti potrebbe ottenere la maggioranza assoluta». «Hung Parliament» dice la ‘Cnn‘ che celebra la sconfitta dell’establishment e titola: «Populist surge in Italy as voters back anti-immigrant, anti-establishment parties». Mentre il ‘Washington Post‘ avvisa:  «Le elezioni italiane sono un altro duro colpo per l’establishment europeo. I partiti populisti, una volta marginali, hanno ottenuto quasi la metà dei voti, e un governo stabile non si vede all’orizzonte. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è avvisato: c’è potenziale caos politico».

(video tratti dai canali Youtube di Al Jazeera, France 24 e Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->