venerdì, Settembre 24

Elezioni in Spagna: l'esito di una dura battaglia

0

Il Partito Popolare spagnolo ha vinto nel Paese la seconda chiamata alle elezioni in Spagna, dopo una gara molto combattuta. Il primo ministro Mariano Rajoy ha vinto 122 seggi, mentre il partito rivale di sinistra, i socialisti, ne hanno guadagnati soltanto 91Il risultato potrà essere probabilmente determinare per un periodo di instabilità politica in quanto entrambe le parti non sono riuscite a conquistare i 176 seggi necessari per la maggioranza. Dopo il risultato elettorale il Premier ha confermato che proverà a formare un governo di coalizione, ma ammette che crearlo nei prossimi giorni è impresa ardua e difficile. Afferma inoltre che il Paese aveva bisogno di rimanere stabile e tenere il passo con le riforme economiche.

Intanto i due partiti di recente formazione, Podemos e Ciudadanos, il primo che ha visto la sua nascita appena due anni fa, vincono rispettivamente in 69 e 49 seggi. Il Leader Ciudadanos, Albert Rivera, ha detto che il suo partito avrà un ruolo fondamentale nella formazione di un governo di maggioranza e sarà determinante nella formazione di una amministrazione di maggioranza che sarà in grado di cambiare il Paese.

Le elezioni generali spagnole chiudono un anno di cambiamento nel sud dell’Europa, dopo che il partito di estrema sinistra, Syriza, è salito al potere in Grecia nel mese di gennaio scorso.

(tratto dalla sezione video del sito di ‘The Daily Mail’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->