lunedì, Giugno 27

Elezioni: gli Stati da tenere d’occhio nel 2018 Una rapida panoramica dei Paesi che andranno al voto e da tenere sotto controllo nell'anno che sta per iniziare

0

Cuba

A Cuba non dovrebbero esserci questo tipo di problema, essendoci un unico partito. Tuttavia, le elezioni parlamentari che si terranno il prossimo anno avranno un significato simbolico molto importante: con il prossimo ritiro di Raul Castro dalla vita politica, quelle del 2018 saranno le prime elezioni dopo la fine del castrismo (inteso qui come dinastia politica e non come ideologia). Presidente cubano in pectore è Miguel Diaz-Canel, braccio destro di Raul Castro negli anni della sua presidenza.

Zimbabwe

Sorvoliamo l’Oceano Atlantico e andiamo in Africa. Anche in Zimbabwe si è chiusa un’era: da poco il Presidente (dittatore, secondo alcuni) Robert Mugabe ha lasciato, non senza qualche difficoltà, il proprio ruolo, dopo oltre trent’anni di governo. L’intervento dell’esercito è stato decisivo: si è parlato di colpo di Stato, prontamente smentito da Mugabe, che ha però abbandonato il proprio ruolo nel Governo e nel partito da lui fondato, il ZANU-PF. L’uomo che ha preso il posto del novantaquattrenne Mugabe è Emmerson Mnangagwa, nuovo Presidente dello Zimbabwe e leader del ZANU-PF. È anche il favorito nelle prossime elezioni presidenziali.

Sud Sudan

Salendo un po’ più a nord, incontriamo uno dei Paesi più giovani del mondo, il Sud Sudan. Già regione autonoma del Sudan, dal 2011 è indipendente e membro dell’ONU. Le elezioni erano previste per il 2015, ma a causa di un presunto colpo di Stato, furono rinviate al 2018. Il Sud Sudan vive in un costante clima di scontro, quando non di guerra, fra le diverse etnie, che si accusano a vicenda di voler prendere il potere a scapito dell’altra. Le elezioni parlamentari e presidenziali del 2018 dovrebbero dare una svolta in questo senso, ma non è fuori dal mondo aspettarsi ulteriore incertezza e conflitto.

Libano

Concludiamo questo rapido giro del mondo attraversando il canale di Suez e andando in Libano. Le parlamentari del 2018 si sarebbero dovute tenere nel 2014, ma in seguito alla mancata elezione del Presidente del Libano, condizione necessaria all’indizione delle elezioni parlamentari, queste ultime furono rimandate prima nel 2017 e poi, in un secondo momento, nel 2018. Nel frattempo, l’imperversare della Guerra Civile Siriana nei territori libanesi ha reso tutto drammaticamente più difficile. Nel 2017 è stata votata una nuova legge elettorale che ridefinisce i collegi elettorali: Saad Hariri si ripresenterà con il suo Movimento Futuro, dopo le vicende che lo hanno colpito negli ultimi mesi.

 

Questa breve rassegna non ha la pretesa della completezza: ci sono molti altri Stati che saranno impegnati, a vario livello, con elezioni locali, parlamentari o presidenziali. Quello che possiamo dire con certezza è che sarà un anno carico di cambiamenti ai quali speriamo di essere riusciti a prepararvi.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->