giovedì, Settembre 23

Elezioni Austria: testa a testa fra i due candidati field_506ffbaa4a8d4

0

L’Austria ieri è tornata al voto per il secondo turno delle presidenziali. Norbert Hofer, il candidato dell’Fpo, cioè il partito liberale di estrema destra, aveva ottenuto più del 35% dei consensi al primo turno, distanziando di 14 punti il secondo, l’ex leader dei verdi Alexander van der Bellen, presentatosi da indipendente. I risultati del primo turno sono stati definiti ‘un risultato scioccante’ dal capogruppo Spd al Bundestag, Thomas Opperman, che li ha visti come «una sveglia per tutti i democratici a mobilitarsi contro l’odio per gli stranieri e l’intolleranza». Infatti, il candidato dell’Fpo ha basato la sua campagna elettorale quasi esclusivamente sulla lotta all’immigrazione, e proprio ieri Vienna ha annunciato che da martedì prossimo intende schierare 80 poliziotti al confine italo-austriaco del Brennero.

Per scegliere il nono capo di Stato austriaco della Seconda Repubblica sono attesi alle urne 6,4 milioni di elettori. I risultati arriveranno intorno alle 16, dopo lo scrutinio dei 900 mila voti per corrispondenza. Ma, secondo gli ultimi exit poll, il computo totale vedrebbe avanti Van der Bellen di una manciata di voti poiché il voto per corrispondenza è solitamente sfavorevole al Fpo. Tuttavia le proiezioni, che considerano anche il voto per posta, danno i due candidati in assoluta parità: 50% a 50%.

 

(video tratto dal canale YouTube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->