mercoledì, Giugno 23

Elezioni amministrative: 'The final countdown'

0
1 2


Torna la concentrazione del PD sul prossimo Referendum costituzionale con le dichiarazioni del presidente Matteo Orfini al programma di ‘Rai3‘, ‘Agorà‘, che ribadisce : «Questa legislatura è iniziata con il discorso di Napolitano sulla obbligatorietà delle riforme. Questa è una legislatura costituente e le riforme sono l’unica ragione che rende sopportabile anche questa anomala coalizione di Governo. È del tutto evidente che se fallisse il referendum sulle riforme, questo Governo non esiste più. Certo non sta a me deciderlo, ma al Presidente della Repubblica, ma mi pare evidente che questa legislatura e questo governo finirebbero con la sconfitta al referendum» e aggiunge: «Sulla Costituzione  io credo sia legittimo avere posizioni diverse, anche all’interno del Partito democratico. Noi, come Pd, abbiamo una linea precisa, perché queste riforme le abbiamo volute e votate. Ma se qualcuno non se la sentisse di votare il Sì, io credo non ci sia niente di scandaloso».

 

I casi di femminicidio riempiono le prime pagine della cronaca nazionale tanto da far intervenire il presidente della Camera Laura Bordini, da sempre attiva nelle campagne per il sociale, che è intervenuta affermando: «Oggi voglio mandare un messaggio agli uomini, a quelli consapevoli come noi dell’orrore del femminicidio: non lasciateci sole. Unitevi a noi, uniamo le forze per proteggere le ragazze. Ai violenti dico: rassegnatevi non rinunceremo mai ai nostri diritti e alle libertà. Quindi rassegnatevi».

A seguito delle polemiche affrontate nei giorni scorsi sull’accoglienza dei migranti il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è intervenuto direttamente da Lampedusa dichiarando: «L’Italia e l’Europa sono debitori di riconoscenza a Lampedusa per le vite salvate, per l’assistenza, per la prima ospitalità date ai migranti» ed ha proseguito: «Lampedusa è la porta d’Europa e la base per un ponte tra i continenti. L’isola ha offerto a chi è arrivato, e la sente come seconda patria, il volto migliore dell’Europa. Dobbiamo dire grazie agli uomini delle istituzioni che qui a Lampedusa operano con dedizione, senso etico e impegno, qualita’ che hanno consentito loro di salvare tante vite. Sono eroi della vita quotidiana» concludendo: «E’ grazie a loro che si è evitato che il Mediterraneo diventasse ancor più di quello che è stato, un grande cimitero».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->