giovedì, Ottobre 21

Elezioni 2021: il trionfo (di Letta) e la batosta (di Salvini) Sonora batosta di Salvini e della Lega e trionfo del 'democristiano' Letta. Ancora una volta l'astensionismo primo partito

0

Non c’è bisogno di essere Nostradamus e neppure frate Indovino. Anche la più dilettante delle zingare, da questa mano elettorale avrebbe letto quel ‘futuro’ che da lunedì pomeriggio è diventato presente, e tra qualche giorno sarà già passato.
I fatti erano scritti, e facile da leggere solo si segua un ABC non tanto della politica quanto del buon senso e del ragionare. Per dire: ‘Il trionfo dell’astensionismo‘, dicono tanti, con aria stupita. Vero. Ma non è una novità. E’ da oltre dieci anni che una buona metà di elettorato diserta le urne e manda un chiaro, inequivocabile messaggio: a voi della politica vi riteniamo tutti uguali e ugualmente meritevoli di andare a quel paese.
Questa volta ci si è fermati al 54 per cento dei votanti. Ci si potrebbe e dovrebbe preoccupare di riuscire a parlare con quel 46 per cento che dice NO a tutto; ma non da ora, si dovrebbe cercare di farlo. Qualche politologo e qualche politico ne parlerà per qualche ora, poi i buoni propositi lasceranno posto a ben più concreti e contingenti ‘interessi’.

Altranotiziaprevedibile: la batosta del centro-destra. Si assiste ora al mea culpa di un Matteo Salvini col capo cosparso di cenere. Candidati sbagliati, e tardivamente scelti, balbetta. Perché, le liste depositate a Roma e a Torino, a Milano e a Bologna, a Napoli e un po’ dovunque, non le ha viste? Le ha lasciate compilare al fido Luca Morisi tra un suo festino e l’altro? Ma davvero Salvini e Giorgia Meloni si sorprendono che il centrosinistra fa filotto a Bologna, Milano, Napoli; e vada al ballottaggio a Roma e Torino?
Quanto alla Calabria, dove vince un candidato moderato di Forza Italia, piuttosto ha perso il centro-sinistra: che si presenta confuso e iper-diviso. Per quanto anziano e malandato di salute, Meloni e Salvini bene farebbero a dar credito e ascolto a Silvio Berlusconi: che dei tre è di gran lunga il più saggio e dotato di vista acuta. Soprattutto dovrebbero capire che non si può fare i saltimbanchi della politica a vita, e impunemente: le strizzatine d’occhio agli Orban e alle Le Pen, e in Italia alle case Pound e ai no-vax, ai Borghi, ai Bagnai, ai Pillon, alla fine si scontano e pagano.

Si prenda atto che queste elezioni costituiscono la vittoria dell’apparente opaco e privo di carisma Enrico Letta, la cui strategia e tattica di marca democristiana risulta vincente: conquista un seggio nel non facile collegio di Siena, getta le premesse per essere il dominus per le elezioni del prossimo Presidente della Repubblica, della legge elettorale, e soprattutto sarà lui con isuoia comporre le liste per le elezioni politiche che prima o poi si dovranno pur fare. Spazzerà via i residui ‘renziani’, e valorizzerà nelle posizioni chiave i suoi sodali.

Dall’altra parte si assiste alla mortificazione dei populisti di qualsivoglia tendenza e colore, si chiamino Salvini, Meloni, Beppe Grillo, Giuseppe Conte.
Già: perché Conte ha mancato l’obiettivo: quello di rianimare le scorate e confuse truppe grilline. Perse Roma e Torino, per l’arroganza e l’insipienza di leaderini grillini incapaci di vedere al di là del loro ombelico, sono destinati a una irrilevanza politica e a una mera sopravvivenza dei più abili. I Luigi Di Maio si produrranno in trasformistiche esibizioni. I Casaleggio e i Di Battista tenteranno patetici colpi di coda, velleitari e inconcludenti. Presto saranno archiviati e dimenticati.

Si vedrà ilfenomenoCarlo Calenda; a Roma, nonostante sia stato escluso dal ballottaggio, il suo è un risultato ragguardevole. Merito della ‘sua’ politica, o risultato della non politica altrui? Ha saccheggiato consensi a destra e sinistra, elettori scontenti; saprà appagare le loro istanze, e tradurre lodevoli proposte in concreta politica? Il personaggio ha buona volontà; ma in politica le buone intenzioni non sono materiale sufficiente per costruire qualcosa.

A questo punto sarà interessante cercare di capire quali saranno le prossime mosse di Enrico Letta. Il disegno strategico, comunque, appare chiaro: costruire un nuovo bipolarismo, un centro-sinistra e una destra costretta all’angolo dell’estremismo; e l’eliminazione (o almeno l’assorbimento) di posizioni intermedie. Lo stesso Letta non perde occasione per confermare questa sua ‘visione’. Significa, ad onta della sua origine democristiana, posizionarsi a sinistra, e accreditarsi come bastione della destra sovranista, una destra su cui schiacciare Meloni e Salvini. Un ‘piano’ che prevede la leadership del campo progressista, con buona pace del Movimento 5 Stelle o di Liberi e Uguali; e il radicale, drastico taglio dell’erba sotto i piedi dell’Italia Viva di Matteo Renzi e dell’Azione di Calenda. ‘Il fronte largo’ immaginato da Letta prevede un solo gallo, e tante chiocce. L’ostinazione sul disegno di legge Zan, lo Ius soli, la ‘dote’ ai diciottenni, sono finalizzati a questo scopo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->