lunedì, Ottobre 18

Elezioni 2021: Enrico sta sereno (per ora) L'esito delle Comunali, e delle due suppletive per la Camera, rafforza il leader PD, ma all'orizzonte e in casa propria...

0

E, finalmente, #Enricostasereno.
Dopo gli anni vissuti pericolosamente, cioè lontano dalla politica ‘operativa’ e con il rischio (o forse la speranza) che nessuno lo richiamasse dal suo autoesilio francese, dopo i mesi perigliosi vittima più che del fuoco amico della nemica speranza di molti ‘amici’ di partito che anche lui andasse rovinosamente a sbattere consegnando quello che sarebbe rimasto del Partito Democratico agli appetiti di sciacalli che avrebbero spartito gli ultimi brandelli di un’eredità un tempo munifica, dopo tutto quello che sappiamo e quello che possiamo soltanto immaginare, il Segretario PD tira le somme del suo primo vero impegno elettorale e sta finalmente sereno.

Constatato che il geniale inventore, nel 2014, di quell’hashtag-slogan è scomparso dall’orizzonte e non è più quasi neanche citato dai suoi ultimi giapponesi, constatato che il cuore immacolato di Maria non batte più per il feticista della salama con la nutella, constatato che la Dorian Gray della Garbatella continua ad invecchiare nella vita (come tutti) e ringiovanire nei manifesti apprestandosi ormai a girare il remake della pubblicità Coppertone di Jodie Foster e son soddisfazioni, constatato che il cartonato di Berlusconi funziona ancora ma solo in Calabria e comunque son soddisfazioni… Constatato tutto questo Enrico Letta constata anche che la sua forza tranquillacomincia a funzionare, eccome.

Sarà che è stato a risciacquare i panni politici e personali nella Senna, sarà che di base è sempre stato così, sarà che gli ‘altri’ sembrano giocare per lui, sarà sarà quel che sarà ma interrogandosi della sua leadership che sarà vede all’orizzonte le praterie di una possibile carovana democratica.
Ma vede anche il risultato pur favorevolissimo del primo turno delle Comunali, rafforzato dall’esito vincente delle due suppletive per la Camera, segnato da una fortissima astensione.

Vede il suo gemello diverso Giuseppe Conte non riuscire a segnare una svolta di consensi per il MoVimento Cinque Stelle in versione ‘2050‘ (più che una data il totale dei voti che ha preso in tutta Italia). Vede soprattutto che ampi settori del PD non demordono da un cannibalismo pavloviano, vede che esistono due PD: uno è il ‘PDL‘, il Partito Di Letta che cerca di fare del Partito Democratico un partito democratico (vaste programme), l’altro è il ‘PDFN‘, il Partito Dei Fatti Nostri che punta a che tutto riprenda come prima.
E quindi grazie a questi risultati, e in attesa dei ballottaggi, ora Enrico sta sereno.
Ma per ora.
Solamente per ora

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->