mercoledì, Giugno 16

El Salvador, una ‘democrazia’ in crisi? Sotto la guida di Bukele, El Salvador sta tornando indietro verso il suo passato autoritario, mentre i salvadoregni continuano a sperare in un cambiamento

0

El Salvador è in crisi dopo che il 1° maggio il Presidente Nayib Bukele ha licenziato cinque giudici della corte suprema salvadoregna e il procuratore generale.

Il tribunale e l’ufficio del procuratore generale sono stati – afferma tra gli unici controlli sul potere presidenziale rimasti da quando il partito Nuevas Ideas di Bukele ha vinto la maggioranza al Congresso nel marzo 2021, con oltre il 65% dei voti. Durante la pandemia, la magistratura salvadoregna ha ripetutamente stabilito che l’uso dei poteri di emergenza da parte del presidente era incostituzionale; Bukele ha sfidato i tribunali e alla fine ha respinto i giudici e il procuratore generale. I legislatori salvadoregni hanno sostenuto l’epurazione di Bukele dei suoi presunti oppositori. E recenti sondaggi mostrano che oltre il 90% dei salvadoregni sostiene ancora il Presidente.

Ma la mossa ha suscitato forti critiche da altri Paesi: “Un potere giudiziario indipendente è essenziale per il governo democratico”, ha affermato il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti a proposito del licenziamento dei giudici.

Bukele è salito al potere nel 2019 su una marea di elettori stremati dallo status quo salvadoregno: profonda disuguaglianza, violenza cronica e corruzione endemica. Gli elettori speravano in qualcosa di diverso. Poco dopo sono iniziate le prese di potere autoritarie. Su Twitter, Bukele ha difeso i recenti licenziamenti come “rimettere in ordine la nostra casa”, il tipo di cambiamento radicale che è stato eletto per attuare.

Ma il comportamento antidemocratico di Bukele è in realtà normale in un Paese che non ha mai realizzato appieno la sua precaria democrazia.

El Salvador, afferma Gellman, ha lottato attraverso secoli di colonizzazione spagnola prima di diventare uno stato indipendente nel 1821, seguito dalla manipolazione economica e dalla concentrazione della terra nelle mani di ricche élite.

Nel 1980 iniziò la guerra civile. I rivoluzionari di sinistra del Fronte di Liberazione Nazionale Farabundo Martí – FMLN hanno tentato di rovesciare il governo dittatoriale e corrotto del paese sostenuto dagli Stati Uniti. La guerra durò fino al 1992 e uccise 75.000 salvadoregni.

Dopo gli accordi di pace del 1992, l’FMLN si è convertito da gruppo guerrigliero a partito politico, cedendo le armi e gareggiando elettorale per cambiare il percorso del Paese. Molti nel Paese e all’estero credevano che El Salvador stesse diventando una democrazia, sostiene Gellman.

Tuttavia, l’FMLN ha perso ripetutamente contro il partito di destra ARENA che aveva governato El Salvador durante la guerra civile. Sotto la guida dell’ARENA, in El Salvador persisteva una cultura del silenzio sulla guerra. I soldati che avevano commesso atrocità in tempo di guerra ei politici che li avevano autorizzati evitarono indagini e procedimenti giudiziari.

Infine, nel 2009, l’FMLN ha vinto la presidenza. Il trasferimento pacifico del potere ha fatto sperare che El Salvador fosse finalmente diventato una democrazia completa.

Secondo Gellman, i gruppi vulnerabili sono spesso emarginati e non beneficiano molto della protezione che i governi dovrebbero fornire alla loro popolazione. La loro esperienza di democrazia è quantomeno superficiale.

Per tutti i salvadoregni, lo Stato è incapace di tenerli al sicuro. Le deboli istituzioni di El Salvador spesso non sono in grado di proteggere le persone dai danni fisici, sia da parte di bande che di polizia.

Nessun governo postbellico ha ancora compiuto il tipo di trasformazione strutturale necessaria a El Salvador per affrontare i suoi problemi più urgenti. I leader successivi in ​​El Salvador, compresi i due Presidenti dell’FMLN che hanno rotto la presa del partito al governo, hanno mantenuto il loro potere senza sradicare la corruzione, attuare lo stato di diritto o costruire istituzioni pubbliche indipendenti.

Da parte sua, le azioni di Bukele sono state apertamente antidemocratiche. Ad esempio, nel 2020 ha portato soldati armati in parlamento mentre cercava di far approvare la legislazione e attacca regolarmente la libertà di stampa.

Secondo Gellman, ci vorrebbe una notevole volontà – e un sacco di soldi – per risolvere la povertà salvadoregna, la violenza delle bande, il sistema educativo e la mobilità ascendente limitata. La violenza di genere è una malattia sociale pervasiva; Il tasso di femminicidi di El Salvador è uno dei più alti al mondo.

Inoltre, le tempeste alimentate dal cambiamento climatico hanno distrutto case e mezzi di sussistenza. Questo problema richiede una soluzione internazionale.

Bukele – che a 37 anni è diventato il Presidente più giovane del mondo e non apparteneva a nessuno dei due grandi partiti – si è impegnato ad affrontare tutti questi problemi.

Ma la vita per la maggior parte dei salvadoregni non è migliorata sotto la sua guida. La gente sta ancora fuggendo in massa da El Salvador. Gellman sostiene che la presidenza di Nayib Bukele ha semplicemente rimosso la facciata secondo cui El Salvador è diventato una democrazia completa. Elezioni libere ed eque a parte, il suo regime è un work in progress. Sotto la guida di Bukele, El Salvador sta tornando indietro verso il suo passato autoritario, mentre i salvadoregni continuano a sperare in un cambiamento.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->