lunedì, Settembre 27

EgyptAir investe e scommette sulla ripresa field_506ffbaa4a8d4

0

Riuscirà la compagnia EgyptAir a risollevare le proprie finanze dopo il disastro aereo del l 19 maggio scorso nel Mediterraneo in cui persero la vita 66 persone? I vertici aziendali sembrano crederci. Il 13 luglio è stato infatti ufficializzato l’acquisto, da parte della compagnia egiziana, di 9 nuovi Boeing 737-800, per un ammontare di una cifra in dollari equivalente a 864.000.000. L’annuncio è stato dato in occasione dell’Air Show di Farnborough e l’Amministratore Delegato dell’Egyptair, Safwat Al Musallam, ha spiegato che «l’aggiunta di molti altri aerei di questo tipo ci permetterà di continuare con i nostri piani per introdurre aerei moderni, efficienti sulla nostra rete di destinazione di breve-medio raggio». Una mossa che mira quindi a risanare il crollo dei ricavi a seguito del disastro e volta a rigettarsi sul mercato del turismo con un bagaglio di spese cospicuo, non solo a breve-medio termine, ma con l’aspettativa di «giungere all’acquisto di altri 150 velivoli entro il 2025».

Nel frattempo è stato analizzato l’audio del registratore di volo dell’aereo EgyptAir MS804 che si era schiantato nel Mar Mediterraneo. La commissione d’inchiesta ha confermato la presenza di un incendio a bordo poco prima dello schianto, soprattutto dopo che la parola “fuoco” viene pronunciata più volte nella cabina del pilota. Tuttavia le cause che hanno determinato lo schianto rimangono sconosciute:«è ancora troppo presto per determinare il motivo o il luogo dove si è verificato l’incendio».

(video tratto dal canale Youtube di ‘Africanews’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->