martedì, Ottobre 19

Egypt: an analysis of the current situation field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


THE PARLIAMENTARY ELECTION

In the meantime, Egypt organised parliamentary election in two rounds. The first took place on October 18-19. The second just took place (November 22-23). Results will be available in December.

elezioni parlamentari

It is the first parliamentary election since June 2012, when a ruling of the court dissolved the Parliament democratically elected in 2011. The new Parliament, unicameral, counts 568 elective seats. Quotas go to women, youth and Christians. The President may appoint a further 5 percent.

However, the Opposition – both from the Islamist side and from the democratic-secular side – denounces the farcical character of this election. Many chose to boycott it. The youth is disillusioned and does not want to participate in the election of a Parliament that will simply ratify the Presidents decisions.

The turnout to the first round was extremely low. The official turnout was 26.6 percent. However, different estimates calculate the turnout at less than 20 percent. Frankly, it is rather unlikely that the second round will enjoy higher participation.

In Egypt, those still backing al-Sisi are trying to walk out of the years of turmoil following the fall of Hosni Mubarak. However, the wind of change is blowing and next aspirant Pharaoh might soon oust al-Sisi, Egypt’s strong man. As with his predecessors, Egypt’s citizenry will not be able to freely choose that man. Puppet masters inside and outside Egypt will make the choice. How long is Egypt, a frail giant, going to stand? What would happen if it disintegrates?

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->