mercoledì, Luglio 28

Egitto: scoperta la tomba di Hetpet Risalente a 4.400 anni fa, la proprietaria della tomba sarebbe una sacerdotessa della dea Hathor

0

E’ stata annunciata, tra sabato e domenica, la prima scoperta archeologica egiziana del 2018: riguarda la tomba di una dignitaria di 4.400 anni fa trovata nel corso di una campagna di scavi vicino alle piramidi di Giza, a sud del Cairo. Posta vicino alla piramide di Chefren, custodisce affreschi ben conservati, molti raffiguranti due scimmie, all’ epoca considerate animali domestici ed uno che raffigurante una scimmia ‘ballerina’. Infatti, secondo l’archeologo a capo della missione, Mostafa al-Waziri, «questo tipo di scene è rara […] Sono stati trovati solo in una tomba risalente al vecchio regno, in cui un dipinto mostrava una scimmia che danzava davanti ad un musicista, non un’intera orchestra»

Come precisato dal ministro delle Antichità egiziano, Khaled El-Enany, la tomba è stata scoperta in un cimitero faraonico a Giza, sul rilievo ad ovest del Cairo dove si trovano le tre piramidi più famose.
La proprietaria della tomba, risalente alla V dinastia, sarebbe “Hetpet” , una sacerdotessa della dea Hathor. Secondo il Ministero, a far pensare a quella datazione, oltre lo stile architettonico delle decorazioni delle pitture murali colorate, anche l’ ingresso che conduce a un locale a forma di ”L” con una vasca.

«Hetpet è rappresentata, sulle pitture murali ben conservate, mentre caccia e pesca» ha affermato il Ministero.
Secondo Mostafa al-Waziri, Hetpet potrebbe avere avuto una seconda tomba, nella necropoli di Giza, come accadeva a molti altri dignitari.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->