domenica, Settembre 26

Egitto: ponte tra Israele e Palestina

0

Il ministro degli esteri egiziano Samekh Shukry è giunto a Israele, dove è stato accolto dal primo ministro Benyamin Netanyahu, per una visita istituzionale. Il governo del Cairo, spesso al centro del conflitto israelo-palestinese, a deciso di fare da tramite affinché i due paesi possano riaprire un dialogo ed eventuali trattative di pace. Nel mese di Maggio il presidente egiziano Abdel Fatah al-Sisi aveva invitato il governo palestinese a dare la propria disponibilità per tornare a dialogare con l’atagonista Israele, dichiarando «Faccio appello ai palestinesi affinché seguano l’esempio di Egitto e Giordania e riprendano le trattative dirette. E’ l’unica strada».

Shukry dopo l’atterraggio ha motivato così la sua vista «La mia visita in Israele avviene mentre siamo venuti a trovarci in un incrocio critico che rappresenta una sfida per il Medio Oriente. Il conflitto israelo-palestinese prosegue da mezzo secolo, e’ costato migliaia di vittime, ha rinviato la realizzazione della speranza dei palestinesi in uno stato indipendente basato sui confini del 1967 e con Gerusalemme est per capitale». Un incontro importante quello tra il rappresentante degli Esteri e il Premier israeliano che conferisce all’Egitto un ruolo da protagonista nel favorire la pace tra i Paesi del Medio Oriente.

 

(video tratto da canale Youtube ‘Africa News’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->