sabato, Luglio 24

Ecco l'auto di Fca e Google: senza guidatore

0

L’auto senza guidatore sta per diventare una realtà. Infatti, è stato siglato l’accordo tra Fiat Chrysler Automobiles e Google per realizzare l’automobile senza guidatore.

Fca e Google Self-Driving Car Project daranno così vita ad una collaborazione in base alla quale integreranno la tecnologia di guida autonoma di Google nei nuovi minivan ibridi Chrysler Pacifica Hybrid 2017 per ampliare l’attuale programma di sperimentazione di vetture a guida autonoma di Google. Questo sarà anche un modo per Sergio Marchionne di poter mettere piede nel mondo della connettività; infatti ha affermato: «Lavorare con Google offre a Fca la possibilità di collaborare con una delle maggiori società tecnologiche al mondo per accelerare l’innovazione nell’industria automobilistica».

Quest’auto era stata presentata al Salone di Detroit a gennaio. FCA dovrebbe realizzare, entro la fine dell’anno, un centinaio di prototipi, mentre Google integrerà l’insieme di sensori e computer che permetteranno ai veicoli di muoversi autonomamente sulle strade. Al fine di velocizzare le fasi di progettazione, test e produzione dell’auto, gli ingegneri lavoreranno insieme in un centro situato nel sudest del Michigan.

Si prospetta che alcune centinaia di vetture possano essere commercializzate in California.

«Lavorare a stretto contatto con Fca» ha commentato l’amministratore delegato di Google Self-Driving Car Project, John Krafcik «ci darà l’opportunità di velocizzare lo sviluppo di una vettura a guida totalmente autonoma che renderà le nostre strade più sicure e agevolerà gli spostamenti quotidiani per coloro che non possono guidare».

 

 

 

 

(video tratti dai canali YouTube di Fox Business e CNET)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->