giovedì, Settembre 23

Ecco l’Asia del Sud

0

Asean vietnam

Bangkok – In linea con il tema centrale del 18° Summit SAARC , ci si concentrerà sulla integrazione, sulla connettività e sulla cooperazione economica tra gli Stati Membri.

‘Integrazione più profonda per la Pace e la Prosperità’ è il tema scelto dai Membri per mettere in luce il bisogno di connettere la regione meglio nel sistema stradale e ferroviario. Il veicolo motore SAARC e gli Accordi Ferroviari faciliteranno il traffico ed il movimento veicolare lungo tutte le Nazioni aventi il ruolo di Membri.

Così come largamente anticipato, i Membri stanno discutendo la materializzazione della Unione Asia del Sud e la implementazione SAFTA attraverso il decremento della lista negativa delle tematiche trattabili. Il Segretario operativo per gli Esteri, Shanker Das Bairagi , ha affermato che la crescita negli investimenti bilaterali e multilaterali nei settori delle infrastrutture e della utilizzazione propria del Fondo di Sviluppo Sud Asia attraverso le sue infrastrutture, le finestre sociali ed economiche saranno certamente in cima alle trattazioni in essere nell’agenda dei lavori del Summit SAARC.

Il Fondo di Sviluppo Sud Asia sta sviluppando nove progetti sotto la stessa finestra sociale, spendendo più di 300 milioni di Dollari USA in termini di controvalore. Le progettazioni presentate e finanziate sono destinate a connettere Kathmandu con New Delhi, Kabul con Dhaka e Peshawar e Lahore in Pakistan con le città indiane di Amritsar, New Delhi e Calcutta

. In una seconda fase ancor più città saranno connesse. Poiché l’Asia del Sud ha bisogno di vaste risorse ed investimenti in infrastrutture, i Paesi Membri hanno deciso di attivare la finestra delle infrastrutture all’interno e sotto l’egida del Fondo di Sviluppo Asia, ha confermato Bairagi.

Un’altra sezione dell’agenda dei lavori è volta alla realizzazione di una linea cargo ferroviaria tra India e Bangladesh ed il Pakistan. L’accordo di programma sarà poi seguito da accordi bilaterali per la implementazione della connettività ferroviaria e stradale. Accanto a tale operatività, gli Stati Membri hanno anche proposto di aprire le loro missioni residenziali in tutte le altre Nazioni.

Per raggiungere lo scopo finale dell’unione dell’Asia del Sud, gli Stati Membri hanno raggiunto un accordo su una contestuale unione dei consumatori, un mercato comune e delle zone economiche uniche. Il Segretariato SAARC era diretto a pianificare tutte loro progettualità. Le varie Agende sempre in fase di ridefinizione e miglioramento comprendono la definizione di un out look globale comune, un sistema di tassazione fissato su livelli egualitari in relazione alla vendita di automobili negli Stati membri, nella cooperazione energetica e nelle politiche giovanili.

Il Turismo e la Cultura sono considerate le basi più grandi per veicolare un contatto da persona a persona. Un incontro dei Sottosegretari agli Esteri SAARC ha deciso di migliorare e ingrandire la produttività agricola e dei cibi oltre che la sicurezza alimentare, la massimizzazione dell’uso della Tecnologia, e la diversa definizione degli effetti sui cambiamenti climatici.

Ovviamente sono molte le materie sottoposte a discussione in quest’ambito. I Capi di Stato ed i Governi dei Paesi SAARC hanno incontri bilaterali e va in ritiro a Dhulikhel durante il periodo della loro permanenza a Kathmandu per il Summit SAARC.

Al di là degli impegni ufficiali, I dignitari in visita svolgeranno anche tour religiosi ed i siti culturali come Lumbini, Pashupatinath, Boudhha ae Bhaktapur Durbar Square.

Allo stesso tempo, Nepal e India sigleranno numerosi patti bilaterali. Il Primo Ministro indiano, Narendra Modi si sincererà circa il Centro traumatico e consegnerà alcuni regali come elicotteri leggeri a tecnologia avanzata da consegnare al Governo del Nepal.

I Primi Ministri di Nepal e India coordineranno in prima persona le operazioni tra Kathmandu e New Delhi e testimonieranno in prima persona la apposizione delle firme ufficiali agli accordi dove si dichiara che Kathmandu e Varanasi, Janakpur e Ayodhya così come Lumbini e Bodhgaya saranno città gemellate.

Gli ospiti incontreranno i leader politici del Nepal e discuteranno insieme tematiche di interesse bilaterale e multilaterale, come confermato dallo stesso Ministero degli Esteri.

L’affacciarsi sulla scena mondiale non solo dell’economia del Sub Continente indiano, talvolta alleato talvolta competitor di Cina e di Stati Uniti, comporta anche assistere ad una effettiva -e qualche volta ancor oggi potenziale- speranza di crescita economica e nel commercio in tutta la regione. Per far degli esempi, pur essendoci questioni confinarie di lungo corso tra Pakistan e India corredate anche da attentati, morti e ferimenti, le due Nazioni che confinano e che sono entrambe dotate della bomba nucleare, in questi Summit hanno la possibilità di verificare quel che si può fare nelle più proficue questioni di tipo economico e commerciale mettendo sullo sfondo, invece, le questioni che dividono. Due Nazioni così differenti, anche nelle religioni oltre che nelle tipologie economiche, nella strada della operatività congiunta SAARC possono, invece, trovare unità di intenti.

Questa entità, commerciale, politica e diplomatica –a sua volta- può dialogare con un altro raggruppamento di Nazioni che vanno a conformarsi nella struttura di Unione di Stati Asiatici del Sud Est ASEAN nel medesimo contesto geopolitico. Gli scambi all’interno di SAARC e ASEAN definiscono una zona del Pianeta dai grandi numeri non solo in ambito economico ma anche sociale e culturale. Il che costituisce la vera “cifra” della differenza asiatica e Sud Est asiatica nel Continente intero.

Sul proscenio internazionale, queste aggregazioni –che vanno sempre ridefinendosi- sono la vera novità assoluta nell’economia globale in crisi datata 2014. Gli accordi bilaterali e di regione, potranno aprire nuove prospettive nel lavoro che in Occidente ci si può sognare di avere almeno stando a quanto appare dalle cose odierne.

La modernità planetaria attuale e quel ci si può prefigurare nel medio e lungo periodo molto probabilmente segneranno un quantitativo di chance a favore del quadrante meridionale asiatico e del Sud Est Asia marcatamente superiore rispetto a quello che –dati alla mano- si potranno raggiungere in Occidente.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->